//
reading...
arte moderna e contemporanea, Avanguardia, bed and breakfast, Concettuale, critica d'arte, Daniela Basadelli Delegà, Duchamp, Emilio Tadini, Exfabbricadellebambole, Flavio Caroli, Gaetano Grillo, gallerie arte contemporanea Milano, Gianfranco Pardi, Gustavo Bonora, mercato dell'arte, Milano arte, Milano corsi, Milano eventi, Milano mostre, Mino Ceretti, postmoderno, Rosy Menta, semiotica, Valentino Vago

Gustavo Bonora: CONCETTUALE – un avvio di dibattito sulle categorie costitutive della Modernità

Mino Ceretti - Frammenti

Exfabbricadellebambole, a Milano in via Dionigi Bussola 6, (CLICCA QUI:MAPPA) era la fabbrica dei giocattoli Mattel, ovvero dove si fabbricavano le Barbie ed Ercolinosempreinpiedi, ora è la sede di una nuovissima Associazione Culturale dove è anche possible essere ospitati con Bed&Breakfast. Fondata da Gustavo Bonora (pittore e psicanalista) Rosy Menta (naturopata) e Daniela Basadelli Delegà (uff. sempa e P.R.), l’Associazione è un luogo gradevolissimo e gestito con energia (link al sito). Milano Arte Expo riceve il seguente testo e volentieri lo pubblica, invitando a commentarlo nella convinzione che possa suscitare un dibattito.

Chi sono Gustavo Bonora e Rosy Menta?

Gustavo Bonora pittore e psicanalista e Rosy Menta naturopata, hanno gestito negli anni ’80 una galleria-centro culturale Arsgallery-S.Tecla (dal ’78 all’ ’84).

Rosy e Gustavo, dopo una lunga parentesi ligure tornate a Milano con un nuovo progetto, di che si tratta?

Uno spazio polivalente che accoglie e programma eventi culturali che vanno dall’arte e a tutto ciò che risponde conoscenza e informazione interdisciplinare, e accogliere e promuovere giovani artisti, esordienti ma con un un’occhio all’impegno etico nel mondo del volontariato e alla collaborazione con persone ed enti che operano nel volontariato, alla difesa dei diritti umani, delle cure non invasive, dell’ambiente.

Cos’era il Centro Culturale S.Tecla? Che iniziative avevato realizzato?

Gustavo Bonora e Gianfranco Pardi

Il S.Tecla, nasceva a nel centro di Milano con gli stessi intenti di exfabbricadellebambole ma era anche un centro di convegno e di ricerca di psicanalisi lacaniana allora in auge. Si organizzavano mostre/eventi in collaborazione con il Comune di Milano, il Goethe Institut, Consolato Danese Centro Culturale Francese, Consolato Jugoslavo e altri.

Hanno esposto all’epoca: Asinari, Jokanovic-Toumin, Jean Luise Vila, Jean Degottex, Jean Clareboudt (allora erano giovani o poco noti in Italia, ora esposti nelle più prestigiose collezioni/gallerie internazionali); Olivieri, Crippa, Gallerani, Brusamolino, Pardi, Cavaliere, Moncada, Grillo, Vedova, Signorini… tanto per citare alcuni nomi e fra i giovani d’allora, Pizzi, Ho-Kan, Barna, Basile…

Com’era la Milano deli anni ’70 e ’80? Com’è la Milano di oggi?

Nella Milano di quelli anni, a differenza di oggi, le gallerie erano dei luoghi d’incontro che promuovevano dibatito e progettualità.

Mi avete detto che intendete di occuparvi di giovani artisti che frequentano l’Accademia e di artisti trascurati dalla critica o addirittura sconosciuti, perché?

Perché la logica di mercato e l’andamento della critica persistono sulle certezze dominanti e sui nomi

Emilio Tadini - scultura

accertati, mentre riteniamo che ci siano  molti artisti che per motivi soggettivi ma hanno avuto e abbiano  difficoltà a inserirsi nel circuito  chiuso del sistema. Crediamo sua giusto dare delle opportunità.

Gustavo, tu con la tua lunga esperienza di pittore critichi fortemente l’arte contemporanea, perché?

No, non critico l’arte contemporanea, sono scettico nei confronti di un sistema che non è più capace di discriminare fra il vero e il falso.

Dove risiede l’equivoco? Quando inizia?

Ormai, sotto l’egida del sistema critico-mercantile le categorie logico-linguistiche non sussistono più  ed è possibile qualsiasi  cazzata. La cosa inizia quando, dopo l’Avanguardia, si è instaurato il vezzo retorico delle “neo-neo-neo… qualsiasi cosa”, purchè voluta e promossa dall’arbitrio discriminato dei critici. Vuoi qualche nome? Da Gillo Dorfles a Bonito Oliva, fra i due metti tu i nomi che vuoi se non hai nulla da temere. Ti invio un sintetico scritt,  dal titolo”Concettuale” sperando che tu voglia pubblicarlo perché potrebbe stimolare un dibattito intellettuale. *[pubblicato in calce]

Adriana Cavaliere e Renate Eco

-

La curiosità e l’entusiasmo per la vita sono il segreto della longevità cosa ti interessa di quanto accade oggi?

Comunemente si sorvola sul fatto che un’artista debba o possa esse anche un’intellettuale, è possibile ciò sia un tabù? Io mi diverto ancora a studiare e a confrontarmi con tutto ciò che serve a discriminare il limite discriminante fra il vero e il faslo.

Che progetti avete per il futuro?

Vogliamo far crescere questo spazio un po’ anticonformista, che fra l’altro ospita anche un servizio “Letto&Colazione” per artisti e turisti culturali e non, farlo diventare un punto di incontro fra cultura, culture e progettualità.

Collettiva G.Bonora - P.Gallerani - F.Merisi - foto Attilio Del Comune

 

“Concettuale”

Siamo nell’era del “Concettuale” e, al di là del manifesto dei suoi adepti storici, è uno statuto linguistico carico di valori simbolici e teoretici esteso a tutto il mondo dell’arte contemporanea; ma persiste un punto controverso, ci si chiede a chi è conferito il primato teoretico, all’artista o alla critica?  Nella disputa che si accese a nel 1978 a Montecatini [1], la voce di F.Menna si elevava come un monito: Una critica senza oggetto non può esistere, anche se resta da accertare lo statuto epistemologico della relazione fra i due termini. Tanto più che  non è soltanto la critica che si configura come uno statuto analogo, almeno da un’angolazione linguistica, dato che, in ogni caso essa interviene su un codice acquisito e lo modifica in maniera più o meno profonda.

Il monito era rivolto a F. Lyotard che asseriva che, dopo l’Avanguardia, il confine fra la teoria e la pratica è così sottile che l’affinità necessitata dalla strettoia concettuale condiziona la dialettica in tutti i giochi possibili.

Come scriveva M. Merlau-Ponty: Il problema moderno di sapere,  come l’intenzione del pittore,  rinascerà in coloro i quali guardano i suoi quadri, non è nemmeno posto dalla pittura classica. [2]

opera di Valentino Vago

Quanto alla tempestività Quanto alla tempestività di un’interpretazione, vuoi che la critica sia in anticipo sul ritardo della pertinenza a leggere?, si pone la questione dell’intelligibilità, il divario persiste fra guardare e vedere, eppure, se il salto metafisico moderno induce il fruitore ad una lettura impegnata, la visione moderna apre anche ad una nuova competenza ermeneutica dei costrutti storici.[1] Lo schema che intercorre fra i due poli del “problema moderno”suscita la domanda: qual è la condizione perché le due entità si sintonizzino sull’opportunità noetica [2] di intendersi? Occorre la competenza a leggere, altrimenti il fruitore “guarda” la cosa ma non “vede” l’imago, la competenza del fruitore implica l’impegno etico dell’adesione concettuale al Nous [3] dell’autore e, condiviso lo statuto estetico, procede dal “guardare” al “saper vedere”. Resta sempre da stabilire il ruolo della critica; conferitagli la competenza descrittiva, avrebbe o no la funzione discriminante della valutazione?

    L’impulso a leggere è quello di un sapere che giunge a confermare un talento non innato, ma acquisito per iniziazione etica. Per esempio, leggere Joyce, significa stare con Joyce lungo il suo noema, contro l’attardante resistenza alla differenza significante; ma c’è di più, al di là della discrezionalità noetica del testo, vi è lo stile, il tratto distintivo che segna il limine soggettivo della facoltà póietica, la cui versatilità, induce la competenza noematica nella stessa misura in cui vela il Nous. Lo stile è il tratto differenziale opposto alle rappresentazioni conformi allo standard del gusto, dove però chi ne gode il limine, gode dell’imago. Il processo di alfabetizzante non è un talento connaturato alla conformità culturale, esso esige selettivamente la facoltà eidetica [4] secondo la singolarità elettiva dell’impegno etico.

    Vi è in questa causa il dispositivo inclusivo/esclusivo di chi si situa nel punto dell’ultimità eidetica, l’hic et nunc dell’atto creativo. Posta la distinzione generale fra il modo figurativo e l’astratto, occorre una puntualizzazione: è nella potenzialità della traslazione dalla cosa all’icona che il figurativo, con l’associare per similitudine, perviene alla noematica dell’imago, mentre l’astratto, esposto com’è alla verifica semiologica, chiama in causa la prova noematica.[5]

    Ora si pone necessariamente un quesito: quando l’opera non è figurativa, dal punto di vista semiotico

Gaetano Grillo - L'amante invisibile

cosa rappresenta? La linea linguistica novecentesca è concorde nel definire i sistemi di rappresentazione secondo tre registri semiotici: il reale, il simbolico e l’immaginario; il reale è la fissità letterale della cosa identica a sé, il simbolico è il tratto sostitutivo che trascende la letteralità della cosa nella virtuosità dell’imago, e l’immaginario è la potenzialità noetica delle rappresentazioni arbitrarie. È all’insegna del Nòmos che il Nous (pregnanza ideativa) assurge alla potenzialità simbolica delle rappresentazioni iconiche, ma l’atto d’arbitrio creativo è l’esercizio della fondazione del nuovo logos che, per la diversità che introduce, suscita il rigetto; il rigetto è connaturato non solo all’inerzia conformistica, è anche la resistenza al nuovo che sovverte le certezze dei fondamenti acquisiti, e si sa come la tradizione ermeneutica si attenga alla lettera, così come i sistemi conservatori impugnano il dogma imperscrutabile che decreta il Nòmos (legalità significante), sul versante opposto, nella misura in cui a far vigere la nominazione è la voce esclusiva delle intellighenzie in auge, sotto il vessillo di qualche manifesto “neo-neo-neo-ideologico”, si può legittimare qualsiasi arbitrio.

    A conclusione della rassegna (necessariamente non esaustiva), se fin qui ho cercato di rintracciare le categorie costitutive della Modernità e di definirle facendo ricorso a ciò che poteva concorrere a nominarle, devo ammettere che, mentre la teoria della nominazione ha raggiunto livelli tanto proficui, paradossalmente, non c’è paradigma strutturale che ricopra il curricolo estetico postmoderno, così è consentita qualsiasi cazzata, chi eleverà il monito decisivo per farla finita?

Gustavo Bonora

NOTE

Gustavo Bonora e Mino Ceretti

[1] – Ermeneutica: disciplina interpretativa che attiene a quattro livelli esegetici: letterale, morale, allegorico e anagogico.
[2] – Noetica: noematica (noesis – da noein = pensiero).
[3] - Nous -  trascrizione kantiana del concetto platonico (Timeo, 51,D) di realtà intelligibile, oggetto della ragione  contrapposta alla realtà sensibile, da cui la nozione noematica di produzione concettuale.
6 – Eidos = forma ideativa, dal greco Eidetikòs = formativo. Virtuosità dell’intelligibile che, secondo Platone è la peculiarità della facoltà di astrazione. In Aristotele è la nozione metafisica generalizzata dell’unicità della virtuosità etica. Il concetto di eidetica è mutuato dai fenomenologi della percezione; Husserl che a suo tempo si riferiva agli Stoici, ne fa la riduzione trascendentale della coscienza in essenza etica, ripresa poi da E. Cassirer in Eidos ed eidololon (R. Cortina 2009), riferito a Merleau-Ponty, Sartre, ecc., per designare la facoltà di dar forma alle idee.
[5] – “…, significa infatti rinunciare a comprendere il mondo effettivo e passare a un tipo di certezza che non restituirà mai il ‘c’è’ del mondo.”: Merleau-Ponty: Il visibile e l’invisibile, Bompiani 1999, p. 34.

-

Milano, lunedì 2 gennaio 2012 >  Oggi aggiungo che, se sotto la salvaguardia anarchica del Concettuale è possibile qualsiasi arbitrio, quale che sia la sua durata, non essendo che il segno di una transitorietà effimera, si estinguerà, ed è pensabile una premonizione: non esistendo gli estremi epistemici che stabiliscano la delimitazione estetica oggettiva, insorgerà la necessità di una svolta già avvertibile: si ricadrà nell’accademismo più reazionario, e di un avvenire della pόiesis se ne parlerà con il ritorno alla metafisica, unica cifra epistemica universale.

Nel Settanta, quando Flavio Caroli mi invitò a tenere una conferenza al DAMS sulla Pop-art, cercai, fatta salva la nomenclatura dei suoi adepti, di introdurre la mia percezione di una possibile insidia di deriva concettuale. Posta l’irripetibilità del gesto icastico di Duchamp che, come si disse, segna emblematicamente la radicalità eversiva dell’Avanguardia storica come opposizione all’estenuato manierismo di “fine secolo”, quel che allora non seppi asserire era che la sua salvaguardia era la soluzione metafisica e che, senza questo contenitore epistemico, sarebbe stato il caos. La mia premonizione era troppo acerba, e Caroli, sconcertato, non ebbe più motivo di seguirmi.

Eppure, la Gomorra c’è e non ha bordi, anzi, paradossalmente, è all’insegna di uno stato di disagio (fucking) che si celebra la parodia duchampiana: FUCKING KUNST è la rassegna allestita a Friedriche Galerie – Berlin Art Show 2009 e, fuor di metafora, è Gomorra.

F. Menna, per definire il paradigma concettuale, procede proprio dall’atto d’arbitrio di Duchamp, ne leggo un passaggio:

“ Il gesto di Duchamp consiste nel fatto che esso si presenta come un tentativo di afferrare la realtà quasi nel momento in cui questa sta per sfuggire definitivamente alla presa del linguaggio. Presentare l’oggetto in luogo di rappresentarlo può anche voler dire nominare l’oggetto stesso, o, meglio, risalire a una sorta di ‘nominazione prima’, anteriore al linguaggio…”.

(F. Menna, La linea analitica, Einaudi ’75, p. 44).

Meglio di così non si poteva dar senso al Ready-Made: certo, “anteriore al linguaggio”, cioè un sofisma senza epos e senza segno, dunque unario; sicché, posta l’unicità del sofisma, l’atto che fonda lo statuto eidetico, per definizione logica (nonché etica) è irripetibile; ora, fissata la tesi concettuale, la ripetizione, inutilmente tautologica, corrompe lo statuto, ma il vizio degli epigoni che alimenta il manierismo, ripete senza produrre altro epos e altra semiotica. Gustavo Bonora

About these ads

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: milanoartexpo@gmail.com

Discussione

8 pensieri su “Gustavo Bonora: CONCETTUALE – un avvio di dibattito sulle categorie costitutive della Modernità

  1. Interessante! Molto interessante!!! Mi piacerebbe avere la possibilita’ di avvicinare la Vostra realta’ perche’ condivido il Vostro pensiero ! Se lo ritenete interessante Vi chiedo di contattarmi! Grazie , buon lavoro ! Ornella Piluso topylabrys

    Pubblicato da Ormella Piluso | dicembre 21, 2011, 10:52 pm
  2. Oggi aggiungo che, se sotto la salvaguardia anarchica del Concettuale è possibile qualsiasi arbitrio, quale che sia la sua durata, non essendo che il segno di una transitorietà effimera, si estinguerà, ed è pensabile una premonizione: non esistendo gli estremi epistemici che stabiliscano la delimitazione estetica oggettiva, insorgerà la necessità di una svolta già avvertibile: si ricadrà nell’accademismo più reazionario, e di un avvenire della pόiesis se ne parlerà con il ritorno alla metafisica, unica cifra epistemica universale.
    Nel Settanta, quando Flavio Caroli mi invitò a tenere una conferenza al DAMS sulla Pop-art, cercai, fatta salva la nomenclatura dei suoi adepti, di introdurre la mia percezione di una possibile insidia di deriva concettuale. Posta l’irripetibilità del gesto icastico di Duchamp che, come si disse, segna emblematicamente la radicalità eversiva dell’Avanguardia storica come opposizione all’estenuato manierismo di “fine secolo”, quel che allora non seppi asserire era che la sua salvaguardia era la soluzione metafisica e che, senza questo contenitore epistemico, sarebbe stato il caos. La mia premonizione era troppo acerba, e Caroli, sconcertato, non ebbe più motivo di seguirmi.
    Eppure, la Gomorra c’è e non ha bordi, anzi, paradossalmente, è all’insegna di uno stato di disagio (fucking) che si celebra la parodia duchampiana: FUCKING KUNST è la rassegna allestita a Friedriche Galerie – Berlin Art Show 2009 e, fuor di metafora, è Gomorra.
    F. Menna, per definire il paradigma concettuale, procede proprio dall’atto d’arbitrio di Duchamp, ne leggo un passaggio:

    “ Il gesto di Duchamp consiste nel fatto che esso si presenta come un tentativo di afferrare la realtà quasi nel momento in cui questa sta per sfuggire definitivamente alla presa del linguaggio. Presentare l’oggetto in luogo di rappresentarlo può anche voler dire nominare l’oggetto stesso, o, meglio, risalire a una sorta di ‘nominazione prima’, anteriore al linguaggio…”.
    (F. Menna, La linea analitica, Einaudi ’75, p. 44).

    Meglio di così non si poteva dar senso al Ready-Made: certo, “anteriore al linguaggio”, cioè un sofisma senza epos e senza segno, dunque unario; sicché, posta l’unicità del sofisma, l’atto che fonda lo statuto eidetico, per definizione logica (nonché etica) è irripetibile; ora, fissata la tesi concettuale, la ripetizione, inutilmente tautologica, corrompe lo statuto, ma il vizio degli epigoni che alimenta il manierismo, ripete senza produrre altro epos e altra semiotica. Gustavo Bonora

    Pubblicato da Rosy Menta | gennaio 2, 2012, 5:20 pm
  3. Grazie per la passione e la chiarezza concettuale.
    Vorrei condividere qui la mia esperienza di come un pittore non astratto “perviene alla noematica dell’imago”
    Il ambito figurativo al soggetto pertiene una ridondanza che lo proietta sempre in primo piano, che lo instaura immancabilmente come argomento del discorso. Il soggetto obbliga a parlare di sé. La pittura gli si minimizza tra le mani, travasata in letteratura. Il “che significa” soppianta il “come e cosa è detto”, non c’è verso. Per ricondurre il discorso sulla pittura si può soltanto ridurre il soggetto al rumore di fondo. Per l’artista ciò significa innescare la virtualità di quel che si può fare con la pittura, condurla al suo massimo espressivo. L’immagine si estenua nel voler svanire del suo soggetto, di questo partner ingombrante che le è dentro e che la istiga di continuo al suo proprio discorso.
    Perciò si tratta di rivedere l’idea della figurazione al filtro di un rigoroso metodo sottrattivo, instauratore di un’immagine che sia tutt’uno col senso in atto della creazione dell’opera. Il senso che chiameremo “visione” se non fosse sincronia di piani diversi (visivo, ritmico, tattile, affettivo, …)
    L’atto pittorico è il dispiegamento simultaneo di queste tensioni, di questi piani astratti che rispondono alla sollecitazione di un tema, o, piuttosto, di un argomento del discorso pittorico in atto da intendersi come trama infinita di significati connessi all’oggetto, di cui ogni volta, A SORTE, si focalizza un’area, una zona. La casualità con cui ciò avviene non è frutto di un’improvvisazione imponderata, bensì di una precisa strategia di articolazione di forme già nate nell’involontario e per ciò stesso restituite con quella evidenza.
    L’opera è una voce viva, un’espressione senza meta, un sistema aperto. E’ sempre imprevedibile come può accadere.
    grazie
    sergej glinkov
    http://it.netlog.com/sergejglinkov
    http://www.premioceleste.it/glinkov

    Pubblicato da sergej glinkov | febbraio 3, 2012, 5:18 pm
    • Grazie Sergej per la partecipazione a questo dibattito virtuale e, a proposito del virtuale, è pur sempre così che la nostra scommessa gioca la posta della verità. Figurativi o astratti, finché ci si attiene al tableau è sempre di virtualità che vige il mistero dell’arte. E’ pur virtuale anche la scultura, ma è la comparsa delle installazioni che, anche fatte salve le più metafisiche, rende obsoleto il mistero della virtualità. (Gustavo Bonora)

      Pubblicato da Gustavo Bonora | febbraio 4, 2012, 6:45 am
      • Il decostruzionismo ci porta anche a un altro quesito: un idraulico che installa i pissoire al MAXXIMADREMAMBO (che è come dire “ la Vedova allegra nella sua propria intimità anche”) è un installatore a tutti gli effetti o può essere considerato un’artista dell’installazione (virtualmente parlando)?
        Penso che il mistero metafisico stia ancora lì, nella luce Mediterranea a 45° (mezzoidolo e mezzosimulacro), nella tensione tra la presentificazione e apparenza oltre al cristallo liquido retroilluminato (che è come dire P(panem) C(circences).
        -sergej glinkov-

        Pubblicato da sergej glinkov | febbraio 6, 2012, 1:47 pm
      • Francamente non ho capito. Vuoi spiegare meglio? Grazie.

        Pubblicato da Gustavo Bonora | febbraio 7, 2012, 1:43 pm

Trackback/Pingback

  1. Pingback: Officina Coviello di Milano: in collaborazione con Exfabbricadellebambole presenta una personale di Paola Barlassina, dal 11 al 31 gennaio 2012 « milano arte expo gallerie - gennaio 8, 2012

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

MIA Fair 2013 Milan Image Art Fair fotografia
 MIA Milan Image Art Fair 2013 Superstudio Più. Inaugurazione MIA Fair 2013: venerdì 10 maggio. Milan Image Art Fair, la più rilevante fiera di fotografia in Italia, proseguirà sabato 11 maggio e domenica 12 maggio al Superstudio Più di via Tortona 27 a Milano con 180 espositori, tra gallerie d’arte, fotografi indipendenti ed editoria specializzata in fotografia  - >LEGGI INFO.
Jean Clair - intervistato da Giancarlo Ricci Milano Arte Expo
 Jean Clair, MEDUSA: Giancarlo Ricci intervista Jean Clair per Milano Arte Expo. A partire dal suo libro Medusa (Abscondita Edizioni, Milano 2013) abbiamo posto alcune domande al suo autore, Jean Clair, rinomato critico e storico dell’arte, saggista, ex direttore del Museo Picasso di Parigi. >>LEGGI
Stanley Kubrick fotografo, Palazzo Ducale Genova mostra
STANLEY KUBRICK Fotografo PALAZZO DUCALE DI GENOVA dal 1 maggio al 25 agosto 2013. 160 fotografie di STANLEY KUBRICK. La mostra da un aspetto meno noto nella carriera del grande regista statunitense quando, nel 1945, a soli 17 anni venne assunto come fotoreporter dalla rivista americana Look. L’esposizione, ideata da GAmm Giunti, curata da Michel Draguet, presentata lo scorso anno in prima mondiale al Musées Royaux des Beaux-Arts de Belgique a Bruxelles, è coprodotta da Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura e da Giunti Arte Mostre Musei, in collaborazione con il Museum of the City of New York - che custodisce un patrimonio ancora in parte sconosciuto di oltre 20.000 negativi di Stanley Kubrick.
Spazio Tadini - Isa Locatelli
ISA LOCATELLI Spazio Tadini, Milano Ancora pochi giorni per vedere la mostra di Isa Locatelli dal titolo LEGAMI a Spazio Tadini Arte Contemporanea di Milano. E martedì 12 marzo 2013, andrà in scena lo spettacolo L’ultima madre di e con Afra Crudo. Dalle ore 18:00 APERITIVO mortadella e champagne, ore 19:30 SPETTACOLO. >  Continua a leggere
Galleria Blu Milano
Gallerie arte contemporanea Milano: Galleria Blu IL SENSO E LE FORME Da Chadwick a Bonalumi. Inaugura lunedì 11 marzo 2013, ore 21 la mostra alla Galleria Blu con opere degli artisti Vincenzo Agnetti, Hans Arp, Agostino Bonalumi, Lynn Chadwick, Claudio Costa, Alik Cavaliere, Vincenzo Ferrari,  Lucio Fontana, Emilio Isgrò, Piero Manzoni, Jason Martin, Sandro Martini, Bruno Munari,  Arnaldo Pomodoro, Alessandro Verdi. >LEGGI
MUSEO PECCI MILANO, PER COMBINAZIONE ALTRE PROPOSTE DALLA COLLEZIONE DEL MUSEO
MUSEO PECCI MILANO (MAPPA) - PER COMBINAZIONE ALTRE PROPOSTE DALLA COLLEZIONE DEL MUSEO - Opere di MARCELO CIDADE, FRANCO IONDA, JANNIS KOUNELLIS, PHILIP LORCA DI CORCIA, JACOPO MILIANI, VIK MUNIZ. Progetto speciale: MARIA MULAS, 50 ritratti fotografici di artisti e critici. Video Room RAINER GANAHL, Bicycling Damascus (2004)
INAUGURAZIONE martedì 5 marzo 2013, ore 18. Apertura fino a sabato 6 aprile 2013 >informazioni
Van Gogh
Giancarlo Ricci per Milano Arte Expo – ....  La cosa straordinaria in questo libro è che evidenzia una constatazione su cui pochi si sono soffermati: in più di duemila opere del grande artista, il nome Vincent Van Gogh non è mai scritto. > Continua a leggere
Milano Arte Expo - Fondazione Marconi
Fondazione Marconi di Milano aderisce al progetto Documenti d’Arte del Novecento di Milano Arte Expo con una vasta mole di materiale storico che verrà messo on line. Altre gallerie e fondazioni stanno unendosi a questo cospicuo e progressivo piano di lavoro. Per  collaborare: milanoartexpo@gmail.com.
Il testo che segue è pubblicato nel fascicolo Studio Marconi Documenti n° 8 del 1982La nuova pittura tedesca >leggi
Marinetti chez Marinetti
GALLERIA RUSSO Roma, Marinetti chez Marinetti. Maurizio Calvesi è curatore di una mostra che presenta oltre 40 opere provenienti dalla collezione privata di Filippo Tommaso Marinetti: Luigi Russolo, Tullio Crali, Fortunato Depero, Ardengo Soffici, Rougena Zátková, Antonio Marasco, Gino Galli, Renato Di Bosso, Mino delle Site ... Marinetti chez Marinetti inaugura alla Galleria Russo (MAPPA) venerdì 15 febbraio 2013 e prosegue fino al 15 marzo. > LEGGI
GIULIO PAOLINI GIACOMO GUIDI - ARTE CONTEMPORANEA
GIULIO PAOLINI Giacomo Guidi Arte Contemporanea, Palazzo Sforza Cesarini -  Corso Vittorio Emanuele II, 282/284 ROMA (MAPPA) Inaugurazione 15 febbraio 2013 ore 19. Per la personale da Giacomo Guidi, Giulio Paolini ha realizzato due nuovi lavori, introdotti da undici collages. Il titolo della mostra, Sulla soglia, come pure le opere su carta si richiamano al secondo capitolo del libro pubblicato di recente dall’artista, che funge da guida per i suoi attuali progetti espositivi (G. Paolini, L’autore che credeva di esistere, Johan & Levi, Milano 2012). >LEGGI
fabbrica del vapore viafarini
Fabbrica del Vapore Milano lunedì 18 febbraio 2013, 18.30 | There must be order – nine artists from Central Europe. Viafarini DOCVA con la mostra collettiva There must be order: Matej Gavula, Anetta Mona Chisa & Lucia Tkáčová, Lucia Nimcová, Zbyněk Baladrán, Ľubomír Ďurček, Anna Witt, Eva Jiřička, Kamen Stojanov. > LEGGI
Gli anni Sessanta nelle Collezioni Guggenheim, Arca di Vercelli
Gli anni Sessanta nelle Collezioni Guggenheim – Oltre l’Informale, verso la Pop Art: grande mostra allo spazio Arca di Vercelli – Chiesa di San Marco (MAPPA), dal 9 febbraio al 12 maggio 2013. Oltre 50 capolavori dell’arte europea e americana degli anni Sessanta del Novecento, dei protagonisti indiscussi di questa straordinaria stagione, come Robert Rauschenberg, Jean Dubuffet, Cy Twombly, Frank Stella e Andy Warhol, padre della Pop Art, presente in mostra con la celebre serie Fiori (Flowers) del 1964. 13 lavori provengono dalla Collezione Hannelore B. e Rudolph B. Schulhof, recentemente acquisita dalla Collezione Peggy Guggenheim, e saranno presentati qui per la prima volta al di fuori del museo veneziano. >leggi
alfa castaldi galleria sozzani milano
ALFA CASTALDI Galleria Carla Sozzani - Corso Como 10, Milano (MAPPA). Dal 17 febbraio al 30 marzo 2013 mostra retrospettiva di fotografia dedicata ad Alfa Castaldi, uno dei più poliedrici fotografi italiani. Inaugurazione sabato 16 febbraio 2013, dalle ore 15.00 alle ore 20.00. >leggi
Flash Art Event Milano
Flash Art Event Milano 8-10 febbraio 201355 mostre d’arte contemporanea, proposte dalle più importanti gallerie d’arte italiane - selezione curatoriale di Flash Art - unite  a Palazzo del Ghiaccio di Milano (MAPPA), per un intero week end da dedicare all’arte (giovedì 7, a partire dalle ore 19 fino alle 22, una preview per galleristi, collezionisti, stampa e accreditati)  GALLERIE: Annarumma, Area\B, Artforkids, Artra, Beo Project, Boccanera, Giovanni Bonelli, Ca’di Fra’, Cannaviello, Cart, Contini, Continua, Culture Hotel, Curti/Gambuzzi, Massimo De Carlo, Edicola Notte, Paolo Erbetta, FaMa,Santo Ficara, Frittelli, In Arco, Interno 18, Invernizzi, Jerome Zodo, Studio Maffei, Manzoni, Studio Marconi ’65, Primo Marella, Melesi, Massimo Minini, Pio Monti, Museo Laboratorio, Opere Scelte, Oredaria, Otto Zoo, PACK, Giuseppe Pero, Poggiali e Forconi, Claudio Poleschi, PrimoPiano, RAM, Rizziero, Rizzutoarte, RUFA, Lia Rumma, Sperone, Christian Stein, Ermanno Tedeschi, The Promenade Gallery, Luca Tommasi, Villa Contemporanea, Visualcontainer, Workshop, z2o | Sara Zanin
Riccardo Costantini Contemporary Torino, Ray Smith
La galleria Riccardo Costantini Contemporary di Torino (MAPPA) apre la attività espositiva con la mostra di Ray Smith It’s time to change. Dal 22 febbraio al 13 aprile 2013, è proposta al pubblico la produzione recente dell’artista americano che torna in Italia dopo aver collaborato con importanti gallerie come Larry Gagosian, Bruno Bishofberger, Sperone Westwater e Akira Ikeda. Dopo la personale di Ray Smith, una collettiva di fotografia che vedrà esposti lavori di Mario Daniele, Giampiero Fanuli, Maurizio Galimberti, Piero Mollica, Patrick Van Roy; poi le personali di Ubay Murillo -giovane artista originario delle Canarie di base a Berlino- Vanni Cuoghi e del fotografo Edoardo Romagnoli.

PICASSO Palazzo Reale Milano
Picasso Milano Palazzo Reale
PICASSO a Milano: mostra a Palazzo Reale dal 20 settembre 2012 al 6 gennaio 2013. MAE Milano Arte Expo, per la mostra dedicata a Pablo Picasso – con i capolavori del Museo Nazionale Picasso di Parigi apre una rubrica curata dallo psicanalista Giancarlo Ricci  LEGGI >
AFRO - Museo Bilotti - Roma
AFRO, DAL PROGETTO ALL'OPERA, Museo Bilotti Roma
AFRO Dal progetto all’opera. 1951 - 1975 Museo Carlo Bilotti alla Aranciera di Villa Borghese (MAPPA), ROMA - 11 ottobre 2012 - 6 gennaio 2013. Con 37 opere, la mostra illustra le diverse fasi di concezione ed elaborazione dei dipinti di Afro: il passaggio dal disegno preparatorio, attraverso  progetti più complessi e articolati, fino alla versione definitiva del quadro. >LEGGI

SOTHEBY'S ASTA OPERE D'ARTE
Sotheby’s asta di arte contemporanea per il restauro del Castello dei Pico della Mirandola
Milano, asta d’arte benefica: da Sotheby’s asta di arte contemporanea per il restauro del Castello dei Pico della Mirandola, martedì 2 ottobre 2012 alle ore 18.00. Saranno posti all’incanto circa 30 lotti che importanti artisti contemporanei, italiani e stranieri, doneranno a sostegno di questa causa. a  LEGGI >

Emilio Tadini - Fondazione Marconi, Milano, fino al 31 ottobre 2012
Emilio Tadini mostra Milano Fondazione Marconi
Arturo Carlo Quintavalle: Tadini ha dipinto con gioia e ironia e questa gioia e ironia, e insieme questa profonda consapevolezza dell’artista come ideologo e creatore di organiche visioni del mondo, ne fanno la figura più rilevante dell’arte della sua generazione in Italia e una delle maggiori in Europa, una figura che è stata finora da molti citata e imitata  LEGGI >

Vermeer Il secolo d’oro dell’arte olandese
Vermeer Il secolo d’oro dell’arte olandese
27 settembre 2012 – 20 gennaio 2013 Per la prima volta a Roma una rassegna su Johannes Vermeer, massimo esponente della pittura olandese del XVII secolo. La mostra a Roma alle Scuderie del Quirinale - LINK sito della mostra - include, una selezione di opere di Johannes Vermeer - rarissime e distribuite nei musei di tutto il mondo, nessuna in Italia - e circa cinquanta opere di artisti olandesi suoi contemporanei.  Acquista i biglietti on-line

MARCELLO JORI Giacimento di passioni Padova Galleria Cavour
MARCELLO JORI Giacimento di passioni Padova Galleria Cavour
Dal 29 settembre al 28 ottobre 2012
Artista colto, multiforme e brillante, Marcello Jori torna a Padova dopo quasi trent'anni con un'esposizione che rappresenta una parte importante del suo articolato percorso artistico.
LEGGI >

Gustavo Bonora Exfabbricadellebambole Milano arteGUSTAVO BONORA su Attilio FORGIOLI

Alla Fondazione Stelline di Milano la mostra  di Forgioli fino al 13 ottobre 2012
Attilio Forgioli, MOSTRA A MILANO
- Una mozione di eccentricità - scrive Bonora - e, ad un tempo, di centralità: Attilio Forgioli, eccentrico rispetto alla dominante ed estenuata cronaca Postmoderna, ma centrale quanto all’iconicità storica, appare con un acuto di consistenza metafisica che, mentre intrattiene anche su contenuti “effimeri” (le scarpe, le bistecche, ecc.), li propone con la densità iconica che colma l’aspettativa estetica. > LEGGI >>
Maria Vittoria Capitanucci, Milano le Nuove Architetture, SKIRA
Maria Vittoria Capitanucci: Milano
Le nuove architetture
La nuova, straordinaria stagione della architettura milanese e i suoi grandi protagonisti alle soglie dell’Expo 2015. Capitanucci è docente di Storia dell’architettura
contemporanea presso il Politecnico di Milano e presso l’ISAD.. Edizioni SKIRA >>>
Studio Guastalla Arte Moderna e Contemporanea, Milano cultura
Marino Marini, Giocoliere, 1953, bronzo, h cm 45, Studio Guastalla per Museo Tattile Statale Omero Ancona, Milano arte e cultura
Studio Guastalla di Milano contribuisce
all'ampliamento della collezione del
Museo Tattile Statale Omero (Ancona).
Potrete vedere e toccare il Giocoliere di Marino Marini e altre opere da giovedì 15 giugno 2012, ore 17 presso le sale del Museo Omero alla Mole Vanvitelliana >>>

PEAU D’ARTS PARIS – MANON MORIN

Manon Morin
Peau d'Arts Paris, a cura di Manon Morin - Mur d'arts contemporains pour artistes, intervenants de l'art et toutes personnes qui aiment les arts. facebook.com/millemots
galerie talmart paris
Vernissage de JIZO, DIVINITE JAPONAISE de Jean-Marc Forax - 1er juin au 7 juillet 2012 - Une série de dessins aquarelles de Jizo, personnage japonais qu'on trouve sur les routes, divinité qui accompagne gaiment les enfants injustement punis.  Avec une vidéo de Shunsuke François Nanjo, et sonorisation de Hogo. Galerie TALMART - 22, rue du Cloître Saint-Merri, 75004 Paris - http://www.galerietalmart.com/

MILANO
FONDAZIONI
SPAZI ESPOSITIVI



Biblioteca di via Senato
Via Senato 14 | t. 0276215318
Info e programmi su www.bibliotecadiviasenato.it

Centre culturel français de Milan
Corso Magenta 63 | t. 02 4859191
Info e programmi su http://www.culturemilan.com

Hangar Bicocca - Spazio d’arte contemporanea
Via Chiese 2 (traversa di Viale Sarca) | t. 02 853531764
Info e programmi su http://www.hangarbicocca.it

Fabbrica del Vapore
Viale Procaccini 4 | t. 02 88464102
Info e programmi su http://www.fabbricadelvapore.org

Fondazione Alessandro Durini - Palazzo Durini
Via Santa Maria Valle 2 | t. 02 8053029
Info e programmi su http://www.fondazionedurini.com

Fondazione Marconi
Via Tadino 15 | t. 02 29419232
Info e programmi su
http://www.fondazionemarconi.org

Fondazione Antonio Mazzotta
Foro Buonaparte 50 | t. 02 878197
Info e programmi su
http://www.mazzotta.it

Fondazione Mudima
Via Tadino 26 | t. 02 29409633
Info e programmi su
http://www.mudima.net

Fondazione Arnaldo Pomodoro
Via Andrea Solari 35 | t. 02 89075394
Info e programmi su
fondazionearnaldopomodoro.it

Fondazione Prada
Via Fogazzaro 36 | t. 02 54670216
Info e programmi su
http://www.fondazioneprada.org

Fondazione Stelline
Corso Magenta 61 | t. 02 45462411
Info e programmi su
http://www.stelline.it

Fondazione Nicola Trussardi
t. 02 8068821
Info e programmi su
fondazionenicolatrussardi.com

Forma – Centro Internazionale di Fotografia
Piazza Tito Lucrezio Caro 1 | t. 02 581188067
Info e programmi su
http://www.formafoto.it

Galleria Gruppo Credito Valtellinese
Corso Magenta 59 | t. 02 48008015
Info e programmi su
http://www.creval.it

Museo Diocesano
Corso di Porta Ticinese 95 | t. 02 89420019
Info e programmi su
http://www.museodiocesano.it

Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12 | t. 02 796334
Info e programmi su
http://www.museopoldipezzoli.it

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia L. da Vinci
Via San Vittore 21 | t. 02 485551
Info e programmi su
http://www.museoscienza.org

Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente
Viale Filippo Turati 34 | tel. 02 6551455
Info e programmi su
http://www.lapermanente-milano.it

Spazio Oberdan
t. 02 77406300/6302
Viale Vittorio Veneto 2, ang. Piazza Oberdan
Info e programmi su
www.provincia.milano.it/cultura

Triennale Bovisa
Via Lambruschini 31, ang. Via Codigoro | t. 02 724341
Info e programmi su
http://www.triennalebovisa.it

Triennale di Milano
Triennale Design Museum

Viale Alemagna 6 | t. 02 724341
Info su http://www.triennale.it 
www.triennaledesignmuseum.it

Articoli Recenti

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 493 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: