//
reading...
gallerie arte contemporanea, Light Art, Mya Lurgo Gallery, New Media Art

Mya Lurgo Gallery: CECI N’EST PAS UNE PIPE, impermanenti verità, bipersonale di Fausto Manara e Andrea Sartori, dal 14 Settembre al 15 Ottobre 2011

Fausto Manara, "3 candele accese - IL DIO DELLA LUCE", digitalart 2011

Mya Lurgo Gallery, Lugano (clicca qui: MAPPA), vernissage mercoledì 14 settembre 2011, CECI N’EST PAS UNE PIPE, impermanenti veritàbipersonale di Fausto Manara e Andrea Sartori. Michel Foucault, in “I sette sigilli dell’affermazione”, da parola a una “voce senza luogo”, che dice “Nulla di tutto questo è una pipa; ma un testo che simula un testo; un disegno di una pipa che simula il disegno di una pipa; una pipa (disegnata come se non fosse un disegno) che è il simulacro di una pipa (disegnata come una pipa che a sua volta non sarebbe un disegno)”. La vertigine gnoseologica prodotta da Magritte si estende e si alza – con l’aiuto di Foucault – alle torri dalle quali si intuisce che il regno del Visibile è totalmente occupato dalla tribù della Lingua. E la bellezza del titolo di questa mostra alla Mya Lurgo Gallery è accompagnata da parole come “creare è l’esatto opposto del ri-cercare. Nel creare seguo l’intuizione, lascio che sia il risultato a dischiudersi e a mostrarsi nell’ideale vuoto che ho permesso in me…” di Andrea Sartori. Potete leggerle per intero, qui di seguito, nella duplice intervista agli artisti realizzata da Paola Noè.

Andrea Sartori, "di mente travestita Luce", dipinto su foglio elettroluminescente, 2011

Consigliamo altamente la frequente consultazione del sito di Mya Lurgo Gallery : http://www.myalurgo.ch/it/gallery. …”La Mya Lurgo Gallery, galleria d’arte contemporanea rivolta all’arte di luce – Lightart e all’arte digitale – Digitalart, è operativa nel centro di Lugano, Canton Ticino – Svizzera dal 2007, con mensili mostre a tema e appuntamenti culturali extra – ordinari (workshop di arte terapia, seminari, yoga, sfilate, reading di poesia, proiezione di cortometraggi…) finalizzati a implementare la visibilità delle opere esposte, attraverso un allure di mondanità. In collaborazione con gli esercenti della città di Lugano, la Mya Lurgo Gallery promuove outdoor i suoi artisti, instaurando sinergie urbane senza circonferenza.”

Dichiara Mya Lurgo-Antonelli: “Per questa mostra, ancora legata al tema della New Media Art e della Light Art, prerogative di questa galleria, ho scelto due personaggi alquanto singolari: Fausto Manara – psichiatra, psicoterapeuta, sessuologo e autore di moltissimi libri e Andrea Sartori – psicologa e neuroscienziata, entrambi artisti emergenti, ma con un bagaglio produttivo notevole e coinvolgente. In questa percorso espositivo di “verità in fumo”, il fruitore avra modo di percepire le proprie verità e se del caso, farne a meno.”

“CECI N’EST PAS UNE PIPE: impermanenti verità”

Intervista agli artisti a cura di Paola Noè

“Quando uno fa qualcosa di nuovo, non si accorge che è qualcosa di nuovo. Pensa che tutti lo sappiano”
diceva Mikhail Gromov, matematico.

Fausto, Andrea, entrambi provenite, per professione ed esperienza, da un ambito diverso da quello artistico. Entrambi siete professionisti  in un campo “scientifico”, mi si perdoni il termine. Cosa significa per voi la creazione di un’opera d’arte?

Fausto Manara: informare è rappresentare, istruire. Persuadere è indurre a credere, a dire e a fare, attraverso un’informazione manipolata, cercare di muovere all’assenso, magari per ottenere un consenso. Con gli strumenti in mio possesso, quelli del lettore delle vicende umane, da tempo avevo in animo di scrivere sull’argomento perché il suo nucleo ci porta nell’area di quel paradiso perduto che è la libertà e nel territorio delle conseguenze psicologiche e psicopatologiche determinate dalle sue limitazioni. Ne avevo già detto in alcuni miei scritti, ma solo di sfuggita, e volevo approfondirne le origini e il senso perverso che ne sta alla base. Lo sentivo urgente, pressato anch’io dalle delusioni quotidiane di un’informazione che non informa, e dalla fatica di cogliere qualche brandello della realtà vera nel consultare una fonte e un’altra ancora e poi ancora un’altra. Fatica mai ripagata e gravata ancor più dal dover osservare che nessuna tessera del mosaico dell’imbroglio era esente dalla tentazione, quando non dal disegno, di persuadere invece che informare. Passando il tempo, il progetto mi è apparso sempre più come una lotta impari, quella stessa che si consuma tra quella piccola parte del mondo della scrittura analitica che vuole informare e quello generalizzato dell’immagine, che sovente ha la vocazione di persuadere. Via via, mi appariva sempre più inutile (e frustrante) cimentarmi con il tentativo di rendere comprensibili i meccanismi cerebrali che, addestrati giorno dopo giorno, ci rendono sempre più proni alla persuasione e ci allontanano dal pretendere di essere informati, istruiti su ciò che davvero accade attorno a noi. Avrei dovuto parlare dei tre cervelli che ci appartengono: di quanto la corteccia cerebrale (uno dei tre) non sia così libera di farci scegliere razionalmente, di come il cervello delle emozioni (il secondo) finisca per avere canali preordinati per trovare uno sbocco e dell’invadenza del terzo (quello che si chiama cervello rettiliano) che ci porta a fare scelte per lo più inconsapevoli e finisce per condizionare e sovrastare le funzioni ben più nobili degli altri due. E allora mi ero detto che la fatica di confrontarmi con simili argomentazioni avrebbe allontanato molti potenziali lettori che, invece, avrebbero continuato più facilmente a coltivare le loro abitudini: ascoltare un telegiornale,  leggere i titoli della prima pagina del loro giornale preferito e dare per scontato che la realtà fosse proprio quella lì. Ero insomma prossimo alla desistenza quando un regalo di quelli che la vita sa dare mi ha offerto una chiave per aprire una nuova porta su ciò che mi assillava. 

Andrea Sartori: creare è l’esatto opposto del ri-cercare. Nel creare seguo l’intuizione, lascio che sia il risultato a dischiudersi e a mostrarsi nell’ideale vuoto che ho permesso in me; nel secondo caso, ovvero la ricerca scientifica, si parte da un pre-concetto, da qualcosa che si ritiene di conoscere già: troviamo solo risultati che cerchiamo e che ci aspettiamo. L’inaspettato nelle scienze viene scartato come non rilevante. Prendo l’inaspettato, artisticamente parlando, il non rilevante, e lascio che si metta in opera – per ora – attraverso tre espressioni: la serie coerenza cardiaca, la serie amigdala, la serie dipinti di luce. La coerenza cardiaca (battito cardiaco armonico e uniforme nel tempo) si manifesta spontaneamente durante momenti di gioia o di sentimenti amorevoli, oppure focalizzandosi intenzionalmente su di un pensiero, evento o ricordo che induce uno stato di felicità, compassione o amore. Gli stati di coerenza partono da un vero e proprio cervello situato fisicamente all’interno del cuore che conta più di 40’000 neuroni che, diversamente da quelli cerebrali, comunicano simultaneamente. Questi mandano l’informazione ai lobi frontali – pensiero razionale – passando attraverso l’amigdala, filtro emotivo e parte del cervello limbico. Questo percorso mette in risalto, per la prima volta, la prova empirica che il Cuore elabora le informazioni prima del cervello, e che quest’ultimo è realmente solo un elaboratore di informazioni e che, come tale, può essere ri-programmato per tornare a servire il suo vero scopo: la coerenza del Cuore, non certo intesa quale manifestazione di un qualche genere di amore romantico, quanto più di un viaggio a ritroso verso il significato più Reale del concetto di Amore. L’amigdala – che ‘filtra’ secondo i vissuti emotivi soggettivi le informazioni inviate dal cuore al cervello – è anche sede di uno strano fenomeno: un attacco epilettico in questa zona causa (o è causata da), visioni mistiche, illuminazione, stati di Grazia, il tutto indipendentemente dalla cultura o religione di appartenenza. La mia intenzione, con questi lavori artistici, tra cui i dipinti di Luce, che intendono esprimere l’illusione percettiva a cui siamo abituati, è riportare l’attenzione a ciò che le scienze e le neuroscienze sembrano ignorare a causa della sua semplicità, ovvero che l’intelletto è maschera che vela la nostra Natura Essenziale; tale Natura è ben più semplice, elegante e luminosa di quanto siamo soliti pensare di noi stessi. Il cuore – sia in senso organico sia in senso figurativo – è ciò che muove ogni nostra azione e pensiero. Ad ogni modo l’intento non è quello di dare risposte, quanto di suscitare nuove domande, auspicando un’inversione di 180° per guardare là dove finora non si è guardato.

Quale è stato il vostro percorso personale che vi ha condotto a diventare “artisti” a pieno titolo? Il vostro mestiere di medico psicoterapeuta e psicologo ha in un certo senso aiutato e contribuito ad avvicinarsi all’arte contemporanea?

Fausto Manara: Tutto è nato da un’antica passione, la fotografia, che coltivo da dilettante e che mi ha fatto scoprire nel tempo le tante evoluzioni tecnologiche che forse le hanno tolto uno spicchio della sua anima romantica, ma non ne hanno intaccato la bellezza estetica ed espressiva. Ho dovuto imparare così a non salvare più gli scatti in scaffali di rullini o diapositive, ma nel computer, e a realizzare via via che, una volta custoditi lì, poteva accadere di tutto. Per esempio, e non è un esempio a caso, di non resistere alla tentazione di portare qualche piccolo ritocco all’immagine, magari soltanto un po’ di luminosità in meno, un po’ di contrasto in più.  Difatti non ho resistito, fino ad andare oltre nell’accorgermi che il contenuto e la forma di una mia fotografia potevano cambiare, che il mouse poteva diventare un pennello tecnologico e che, a quel punto, la distanza tra l’originale (la verità) e la sua manipolazione, la sua trasformazione, era rappresentata senza parole. Insomma, che senza più dover attingere ai complicati concetti dei tre cervelli, avevo uno strumento per dire della seduzione magica  e maligna della disinformazione.  E’ così che è nato DisinForma.

Andrea Sartori: Le neuroscienze mi hanno mostrato proprio che la ricerca è un modo per mantenere viva un’illusione percettiva comune: che siamo esseri limitati. Non credendo a questo, ho cercato altre vie per esporre il mio credo: l’illimitato essere. L’arte permette l’espressione di qualcosa che le scienze non permettono. Andare oltre i limiti percepiti. 

 

Entrambi nelle vostre opere dimostrate una tensione forte per la costruzione di immagini. Si tratta di opere visivamente forti e imponenti, seppure astratte. Cosa vuole dire immagine oggi come oggi?

Fausto Manara: Le mie opere vogliono illustrare le suggestioni del non conosciuto di un’immagine reale e dei suoi palpiti interori, che vanno al di là della fisionomia originaria e lasciano spazio all’immaginazione e all’inconscio. Decomponendo l’immagine di uno scatto nascono infatti segni, abbozzi di forme, che conducono molto più il sentire che non la mente verso nuove espressioni e nuove immagini: quelle che non appartengono più alla realtà d’origine, ma all’interpretazione propria di un particolare mondo emozionale. Quello che esprimo in tutti i lavori è sì frutto quindi dell’aver varcato per centinaia di volte le soglie di gallerie e musei, dell’aver visitato mostre, ma soprattutto dell’essere entrato in contatto con migliaia di persone che mi hanno reso partecipe di qualcuno dei loro segreti, di un pezzo della loro intimità, delle loro paure e dei loro sogni, dormienti o ad occhi aperti. E, poiché le storie degli altri hanno in sé, così spesso, frammenti simili alle nostre storie personali, dall’essere stato indotto all’esercizio del contatto con me stesso e con le mie profondità. Insomma, in ogni lavoro che propongo, se da un lato c’è la metafora della disinformazione, dall’altro ci sono molti  scorci del mio lavoro di psichiatra e psicoterapeuta, ma soprattutto tanti spicchi di me stesso, del mio sentire, della mia libertà come delle mie costrizioni, dei miei dubbi, dei miei sogni, della mia felicità come delle mie paure.

Andrea Sartori: A dire il vero il processo è duplice. In primis vi è la  decostruzione, alla quale segue una nuova informazione, una sovrascrittura per intenderci. Trascorriamo la vita ingabbiati in credenze limitanti su noi stessi e sulle nostre reali capacità, ma questa gabbia non è altro che il frutto dei nostri stessi pensieri. Questi pensieri sono appresi, in primis attraverso immagini (TV, giornali, internet, youtube…) ragione per cui tento una controinformAzione. L’immagine è processata in modo molto più rapido di un discorso, quindi è un modo immediato di dialogare.

Anche la trasformazione, in una realtà altra, è un filo rosso nella vostra ricerca estetica. Che cosa è la realtà per voi oggi? Nelle vostre immagini sembrate volere in qualche modo de-stabilizzare lo sguardo dello spettatore quasi voleste mettere in scena un reale perturbante, che non consola gli oggi. E’ cosi?

Fausto Manara: La realtà è ciò che si è indotti a percepire. Proprio attraverso la non-realtà delle mie opere intendo dare allo spettatore uno strumento per giocare all’interpretazione personale del messaggio. Il fatto che tutti i lavori siano contrassegnati da due titoli: il primo riferito all’immagine della fotografia originale, il secondo all’opera presentata, non rappresenta soltanto il rinforzo della denuncia di quanto ci accade ogni giorno: il ricevere soltanto un accenno di notizie a quanto è realmente accaduto e invece un’ampia – e del tutto arbitraria – distorsione della realtà. Rappresenta anche la proposta di due realtà: l’una oggettiva e l’altra stravolta dal mio sentire, che si pongono a chi osserva come semplici stimoli perché egli possa “consolarsi” agendo la propria libertà di interpretazione.  

Andrea Sartori: La realtà non è altro che il risultato dei nostri pensieri, quindi ritengo sia confortante scoprire che ognuno di noi ne è co-creatore. Questo lascia illimitati spazi di manovra e di cambiamento. Scoprire che la percezione che abbiamo di noi stessi e del mondo è sbagliata può inizialmente perturbare, ma lo scopo è proprio quello di ampliare il nostro modo limitato di vedere, volgendo lo sguardo in luoghi fino a poco tempo fa riservati a pochi “eletti”.  La Realtà è già in noi, siamo noi a doverci accedere, ognuno secondo le proprie attitudini.

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: francescotadini61@gmail.com

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

MIA Fair 2013 Milan Image Art Fair fotografia
 MIA Milan Image Art Fair 2013 Superstudio Più. Inaugurazione MIA Fair 2013: venerdì 10 maggio. Milan Image Art Fair, la più rilevante fiera di fotografia in Italia, proseguirà sabato 11 maggio e domenica 12 maggio al Superstudio Più di via Tortona 27 a Milano con 180 espositori, tra gallerie d’arte, fotografi indipendenti ed editoria specializzata in fotografia  - >LEGGI INFO.
Jean Clair - intervistato da Giancarlo Ricci Milano Arte Expo
 Jean Clair, MEDUSA: Giancarlo Ricci intervista Jean Clair per Milano Arte Expo. A partire dal suo libro Medusa (Abscondita Edizioni, Milano 2013) abbiamo posto alcune domande al suo autore, Jean Clair, rinomato critico e storico dell’arte, saggista, ex direttore del Museo Picasso di Parigi. >>LEGGI
Stanley Kubrick fotografo, Palazzo Ducale Genova mostra
STANLEY KUBRICK Fotografo PALAZZO DUCALE DI GENOVA dal 1 maggio al 25 agosto 2013. 160 fotografie di STANLEY KUBRICK. La mostra da un aspetto meno noto nella carriera del grande regista statunitense quando, nel 1945, a soli 17 anni venne assunto come fotoreporter dalla rivista americana Look. L’esposizione, ideata da GAmm Giunti, curata da Michel Draguet, presentata lo scorso anno in prima mondiale al Musées Royaux des Beaux-Arts de Belgique a Bruxelles, è coprodotta da Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura e da Giunti Arte Mostre Musei, in collaborazione con il Museum of the City of New York - che custodisce un patrimonio ancora in parte sconosciuto di oltre 20.000 negativi di Stanley Kubrick.
Spazio Tadini - Isa Locatelli
ISA LOCATELLI Spazio Tadini, Milano Ancora pochi giorni per vedere la mostra di Isa Locatelli dal titolo LEGAMI a Spazio Tadini Arte Contemporanea di Milano. E martedì 12 marzo 2013, andrà in scena lo spettacolo L’ultima madre di e con Afra Crudo. Dalle ore 18:00 APERITIVO mortadella e champagne, ore 19:30 SPETTACOLO. >  Continua a leggere
Galleria Blu Milano
Gallerie arte contemporanea Milano: Galleria Blu IL SENSO E LE FORME Da Chadwick a Bonalumi. Inaugura lunedì 11 marzo 2013, ore 21 la mostra alla Galleria Blu con opere degli artisti Vincenzo Agnetti, Hans Arp, Agostino Bonalumi, Lynn Chadwick, Claudio Costa, Alik Cavaliere, Vincenzo Ferrari,  Lucio Fontana, Emilio Isgrò, Piero Manzoni, Jason Martin, Sandro Martini, Bruno Munari,  Arnaldo Pomodoro, Alessandro Verdi. >LEGGI
MUSEO PECCI MILANO, PER COMBINAZIONE ALTRE PROPOSTE DALLA COLLEZIONE DEL MUSEO
MUSEO PECCI MILANO (MAPPA) - PER COMBINAZIONE ALTRE PROPOSTE DALLA COLLEZIONE DEL MUSEO - Opere di MARCELO CIDADE, FRANCO IONDA, JANNIS KOUNELLIS, PHILIP LORCA DI CORCIA, JACOPO MILIANI, VIK MUNIZ. Progetto speciale: MARIA MULAS, 50 ritratti fotografici di artisti e critici. Video Room RAINER GANAHL, Bicycling Damascus (2004)
INAUGURAZIONE martedì 5 marzo 2013, ore 18. Apertura fino a sabato 6 aprile 2013 >informazioni
Van Gogh
Giancarlo Ricci per Milano Arte Expo – ....  La cosa straordinaria in questo libro è che evidenzia una constatazione su cui pochi si sono soffermati: in più di duemila opere del grande artista, il nome Vincent Van Gogh non è mai scritto. > Continua a leggere
Milano Arte Expo - Fondazione Marconi
Fondazione Marconi di Milano aderisce al progetto Documenti d’Arte del Novecento di Milano Arte Expo con una vasta mole di materiale storico che verrà messo on line. Altre gallerie e fondazioni stanno unendosi a questo cospicuo e progressivo piano di lavoro. Per  collaborare: milanoartexpo@gmail.com.
Il testo che segue è pubblicato nel fascicolo Studio Marconi Documenti n° 8 del 1982La nuova pittura tedesca >leggi
Marinetti chez Marinetti
GALLERIA RUSSO Roma, Marinetti chez Marinetti. Maurizio Calvesi è curatore di una mostra che presenta oltre 40 opere provenienti dalla collezione privata di Filippo Tommaso Marinetti: Luigi Russolo, Tullio Crali, Fortunato Depero, Ardengo Soffici, Rougena Zátková, Antonio Marasco, Gino Galli, Renato Di Bosso, Mino delle Site ... Marinetti chez Marinetti inaugura alla Galleria Russo (MAPPA) venerdì 15 febbraio 2013 e prosegue fino al 15 marzo. > LEGGI
GIULIO PAOLINI GIACOMO GUIDI - ARTE CONTEMPORANEA
GIULIO PAOLINI Giacomo Guidi Arte Contemporanea, Palazzo Sforza Cesarini -  Corso Vittorio Emanuele II, 282/284 ROMA (MAPPA) Inaugurazione 15 febbraio 2013 ore 19. Per la personale da Giacomo Guidi, Giulio Paolini ha realizzato due nuovi lavori, introdotti da undici collages. Il titolo della mostra, Sulla soglia, come pure le opere su carta si richiamano al secondo capitolo del libro pubblicato di recente dall’artista, che funge da guida per i suoi attuali progetti espositivi (G. Paolini, L’autore che credeva di esistere, Johan & Levi, Milano 2012). >LEGGI
fabbrica del vapore viafarini
Fabbrica del Vapore Milano lunedì 18 febbraio 2013, 18.30 | There must be order – nine artists from Central Europe. Viafarini DOCVA con la mostra collettiva There must be order: Matej Gavula, Anetta Mona Chisa & Lucia Tkáčová, Lucia Nimcová, Zbyněk Baladrán, Ľubomír Ďurček, Anna Witt, Eva Jiřička, Kamen Stojanov. > LEGGI
Gli anni Sessanta nelle Collezioni Guggenheim, Arca di Vercelli
Gli anni Sessanta nelle Collezioni Guggenheim – Oltre l’Informale, verso la Pop Art: grande mostra allo spazio Arca di Vercelli – Chiesa di San Marco (MAPPA), dal 9 febbraio al 12 maggio 2013. Oltre 50 capolavori dell’arte europea e americana degli anni Sessanta del Novecento, dei protagonisti indiscussi di questa straordinaria stagione, come Robert Rauschenberg, Jean Dubuffet, Cy Twombly, Frank Stella e Andy Warhol, padre della Pop Art, presente in mostra con la celebre serie Fiori (Flowers) del 1964. 13 lavori provengono dalla Collezione Hannelore B. e Rudolph B. Schulhof, recentemente acquisita dalla Collezione Peggy Guggenheim, e saranno presentati qui per la prima volta al di fuori del museo veneziano. >leggi
alfa castaldi galleria sozzani milano
ALFA CASTALDI Galleria Carla Sozzani - Corso Como 10, Milano (MAPPA). Dal 17 febbraio al 30 marzo 2013 mostra retrospettiva di fotografia dedicata ad Alfa Castaldi, uno dei più poliedrici fotografi italiani. Inaugurazione sabato 16 febbraio 2013, dalle ore 15.00 alle ore 20.00. >leggi
Flash Art Event Milano
Flash Art Event Milano 8-10 febbraio 201355 mostre d’arte contemporanea, proposte dalle più importanti gallerie d’arte italiane - selezione curatoriale di Flash Art - unite  a Palazzo del Ghiaccio di Milano (MAPPA), per un intero week end da dedicare all’arte (giovedì 7, a partire dalle ore 19 fino alle 22, una preview per galleristi, collezionisti, stampa e accreditati)  GALLERIE: Annarumma, Area\B, Artforkids, Artra, Beo Project, Boccanera, Giovanni Bonelli, Ca’di Fra’, Cannaviello, Cart, Contini, Continua, Culture Hotel, Curti/Gambuzzi, Massimo De Carlo, Edicola Notte, Paolo Erbetta, FaMa,Santo Ficara, Frittelli, In Arco, Interno 18, Invernizzi, Jerome Zodo, Studio Maffei, Manzoni, Studio Marconi ’65, Primo Marella, Melesi, Massimo Minini, Pio Monti, Museo Laboratorio, Opere Scelte, Oredaria, Otto Zoo, PACK, Giuseppe Pero, Poggiali e Forconi, Claudio Poleschi, PrimoPiano, RAM, Rizziero, Rizzutoarte, RUFA, Lia Rumma, Sperone, Christian Stein, Ermanno Tedeschi, The Promenade Gallery, Luca Tommasi, Villa Contemporanea, Visualcontainer, Workshop, z2o | Sara Zanin
Riccardo Costantini Contemporary Torino, Ray Smith
La galleria Riccardo Costantini Contemporary di Torino (MAPPA) apre la attività espositiva con la mostra di Ray Smith It’s time to change. Dal 22 febbraio al 13 aprile 2013, è proposta al pubblico la produzione recente dell’artista americano che torna in Italia dopo aver collaborato con importanti gallerie come Larry Gagosian, Bruno Bishofberger, Sperone Westwater e Akira Ikeda. Dopo la personale di Ray Smith, una collettiva di fotografia che vedrà esposti lavori di Mario Daniele, Giampiero Fanuli, Maurizio Galimberti, Piero Mollica, Patrick Van Roy; poi le personali di Ubay Murillo -giovane artista originario delle Canarie di base a Berlino- Vanni Cuoghi e del fotografo Edoardo Romagnoli.

PICASSO Palazzo Reale Milano
Picasso Milano Palazzo Reale
PICASSO a Milano: mostra a Palazzo Reale dal 20 settembre 2012 al 6 gennaio 2013. MAE Milano Arte Expo, per la mostra dedicata a Pablo Picasso – con i capolavori del Museo Nazionale Picasso di Parigi apre una rubrica curata dallo psicanalista Giancarlo Ricci  LEGGI >
AFRO - Museo Bilotti - Roma
AFRO, DAL PROGETTO ALL'OPERA, Museo Bilotti Roma
AFRO Dal progetto all’opera. 1951 - 1975 Museo Carlo Bilotti alla Aranciera di Villa Borghese (MAPPA), ROMA - 11 ottobre 2012 - 6 gennaio 2013. Con 37 opere, la mostra illustra le diverse fasi di concezione ed elaborazione dei dipinti di Afro: il passaggio dal disegno preparatorio, attraverso  progetti più complessi e articolati, fino alla versione definitiva del quadro. >LEGGI

SOTHEBY'S ASTA OPERE D'ARTE
Sotheby’s asta di arte contemporanea per il restauro del Castello dei Pico della Mirandola
Milano, asta d’arte benefica: da Sotheby’s asta di arte contemporanea per il restauro del Castello dei Pico della Mirandola, martedì 2 ottobre 2012 alle ore 18.00. Saranno posti all’incanto circa 30 lotti che importanti artisti contemporanei, italiani e stranieri, doneranno a sostegno di questa causa. a  LEGGI >

Emilio Tadini - Fondazione Marconi, Milano, fino al 31 ottobre 2012
Emilio Tadini mostra Milano Fondazione Marconi
Arturo Carlo Quintavalle: Tadini ha dipinto con gioia e ironia e questa gioia e ironia, e insieme questa profonda consapevolezza dell’artista come ideologo e creatore di organiche visioni del mondo, ne fanno la figura più rilevante dell’arte della sua generazione in Italia e una delle maggiori in Europa, una figura che è stata finora da molti citata e imitata  LEGGI >

Vermeer Il secolo d’oro dell’arte olandese
Vermeer Il secolo d’oro dell’arte olandese
27 settembre 2012 – 20 gennaio 2013 Per la prima volta a Roma una rassegna su Johannes Vermeer, massimo esponente della pittura olandese del XVII secolo. La mostra a Roma alle Scuderie del Quirinale - LINK sito della mostra - include, una selezione di opere di Johannes Vermeer - rarissime e distribuite nei musei di tutto il mondo, nessuna in Italia - e circa cinquanta opere di artisti olandesi suoi contemporanei.  Acquista i biglietti on-line

MARCELLO JORI Giacimento di passioni Padova Galleria Cavour
MARCELLO JORI Giacimento di passioni Padova Galleria Cavour
Dal 29 settembre al 28 ottobre 2012
Artista colto, multiforme e brillante, Marcello Jori torna a Padova dopo quasi trent'anni con un'esposizione che rappresenta una parte importante del suo articolato percorso artistico.
LEGGI >

Gustavo Bonora Exfabbricadellebambole Milano arteGUSTAVO BONORA su Attilio FORGIOLI

Alla Fondazione Stelline di Milano la mostra  di Forgioli fino al 13 ottobre 2012
Attilio Forgioli, MOSTRA A MILANO
- Una mozione di eccentricità - scrive Bonora - e, ad un tempo, di centralità: Attilio Forgioli, eccentrico rispetto alla dominante ed estenuata cronaca Postmoderna, ma centrale quanto all’iconicità storica, appare con un acuto di consistenza metafisica che, mentre intrattiene anche su contenuti “effimeri” (le scarpe, le bistecche, ecc.), li propone con la densità iconica che colma l’aspettativa estetica. > LEGGI >>
Maria Vittoria Capitanucci, Milano le Nuove Architetture, SKIRA
Maria Vittoria Capitanucci: Milano
Le nuove architetture
La nuova, straordinaria stagione della architettura milanese e i suoi grandi protagonisti alle soglie dell’Expo 2015. Capitanucci è docente di Storia dell’architettura
contemporanea presso il Politecnico di Milano e presso l’ISAD.. Edizioni SKIRA >>>
Studio Guastalla Arte Moderna e Contemporanea, Milano cultura
Marino Marini, Giocoliere, 1953, bronzo, h cm 45, Studio Guastalla per Museo Tattile Statale Omero Ancona, Milano arte e cultura
Studio Guastalla di Milano contribuisce
all'ampliamento della collezione del
Museo Tattile Statale Omero (Ancona).
Potrete vedere e toccare il Giocoliere di Marino Marini e altre opere da giovedì 15 giugno 2012, ore 17 presso le sale del Museo Omero alla Mole Vanvitelliana >>>

PEAU D’ARTS PARIS – MANON MORIN

Manon Morin
Peau d'Arts Paris, a cura di Manon Morin - Mur d'arts contemporains pour artistes, intervenants de l'art et toutes personnes qui aiment les arts. facebook.com/millemots
galerie talmart paris
Vernissage de JIZO, DIVINITE JAPONAISE de Jean-Marc Forax - 1er juin au 7 juillet 2012 - Une série de dessins aquarelles de Jizo, personnage japonais qu'on trouve sur les routes, divinité qui accompagne gaiment les enfants injustement punis.  Avec une vidéo de Shunsuke François Nanjo, et sonorisation de Hogo. Galerie TALMART - 22, rue du Cloître Saint-Merri, 75004 Paris - http://www.galerietalmart.com/

MILANO
FONDAZIONI
SPAZI ESPOSITIVI



Biblioteca di via Senato
Via Senato 14 | t. 0276215318
Info e programmi su www.bibliotecadiviasenato.it

Centre culturel français de Milan
Corso Magenta 63 | t. 02 4859191
Info e programmi su http://www.culturemilan.com

Hangar Bicocca - Spazio d’arte contemporanea
Via Chiese 2 (traversa di Viale Sarca) | t. 02 853531764
Info e programmi su http://www.hangarbicocca.it

Fabbrica del Vapore
Viale Procaccini 4 | t. 02 88464102
Info e programmi su http://www.fabbricadelvapore.org

Fondazione Alessandro Durini - Palazzo Durini
Via Santa Maria Valle 2 | t. 02 8053029
Info e programmi su http://www.fondazionedurini.com

Fondazione Marconi
Via Tadino 15 | t. 02 29419232
Info e programmi su
http://www.fondazionemarconi.org

Fondazione Antonio Mazzotta
Foro Buonaparte 50 | t. 02 878197
Info e programmi su
http://www.mazzotta.it

Fondazione Mudima
Via Tadino 26 | t. 02 29409633
Info e programmi su
http://www.mudima.net

Fondazione Arnaldo Pomodoro
Via Andrea Solari 35 | t. 02 89075394
Info e programmi su
fondazionearnaldopomodoro.it

Fondazione Prada
Via Fogazzaro 36 | t. 02 54670216
Info e programmi su
http://www.fondazioneprada.org

Fondazione Stelline
Corso Magenta 61 | t. 02 45462411
Info e programmi su
http://www.stelline.it

Fondazione Nicola Trussardi
t. 02 8068821
Info e programmi su
fondazionenicolatrussardi.com

Forma – Centro Internazionale di Fotografia
Piazza Tito Lucrezio Caro 1 | t. 02 581188067
Info e programmi su
http://www.formafoto.it

Galleria Gruppo Credito Valtellinese
Corso Magenta 59 | t. 02 48008015
Info e programmi su
http://www.creval.it

Museo Diocesano
Corso di Porta Ticinese 95 | t. 02 89420019
Info e programmi su
http://www.museodiocesano.it

Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12 | t. 02 796334
Info e programmi su
http://www.museopoldipezzoli.it

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia L. da Vinci
Via San Vittore 21 | t. 02 485551
Info e programmi su
http://www.museoscienza.org

Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente
Viale Filippo Turati 34 | tel. 02 6551455
Info e programmi su
http://www.lapermanente-milano.it

Spazio Oberdan
t. 02 77406300/6302
Viale Vittorio Veneto 2, ang. Piazza Oberdan
Info e programmi su
www.provincia.milano.it/cultura

Triennale Bovisa
Via Lambruschini 31, ang. Via Codigoro | t. 02 724341
Info e programmi su
http://www.triennalebovisa.it

Triennale di Milano
Triennale Design Museum

Viale Alemagna 6 | t. 02 724341
Info su http://www.triennale.it 
www.triennaledesignmuseum.it

Articoli recenti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: