//
reading...
Alice Bescapè, Ancona mostre, Associazione Culturale Quattrocentometriquadri, Chiara Ludolini, concorsi artistici, concorso Metrocubo 2011, Daniela Di Maro, DREAMS & MIGRATIONS, DREAMS & MIGRATIONS Metrocubo 2011, Elena Gridneva, Floriana Pastore, Franco Marconi, gallerie arte contemporanea, Giorgio Dursi, Lorenzo Bartolucci, Mara Di Giammatteo, Marco Bernacchia, Massimiliano Grandoni, Mercato delle Erbe Ancona, Michela Pozzi, Pietro Baldoni, premi d'arte, Punta_Spillo, Quattrocentometriquadri gallery, Serenella Tomassini

DREAMS & MIGRATIONS Collettiva delle opere finaliste del concorso Metrocubo 2011: Quattrocentometriquadri gallery e Mercato delle Erbe, Ancona

L’associazione culturale Quattrocentometriquadri presenta DREAMS & MIGRATIONS. Collettiva delle opere finaliste del concorso Metrocubo 2011 – II edizione. ARTISTI FINALISTI: Lorenzo Bartolucci e Pietro Baldoni; Marco Bernacchia; Alice Bescapè; Mara Di Giammatteo; Daniela Di Maro; Giorgio Dursi; Massimiliano Grandoni; Elena Gridneva; Floriana Pastore; Michela Pozzi; Punta_Spillo (Chiara Ludolini e Serenella Tomassini). INAUGURAZIONE domenica 27 novembre 2011, ore 17.00. Quattrocentometriquadri gallery e Mercato delle Erbe, via Magenta 15, Ancona (CLICCA: MAPPA). comunicato stampa >

La riflessione sull’identità culturale e al contempo sulla multiculturalità, che la ricorrenza del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia invita ad approfondire, sono diventati quest’anno temi urgenti non solo per l’Italia. Il 2011 è stato un anno denso e significativo, segnato da una profonda crisi economica internazionale, da “storiche” rivolte sociali e cataclismi naturali. Si vanno alterando equilibri a cui siamo abituati e sempre più imponenti processi di migrazioni attraversano le nostre realtà, i nostri territori, alterando stili di vita consolidati, come una energia sempre più potente.

“La verità non sta in un solo sogno, ma in molti sogni”, per usare le parole di Pasolini nell’apertura de Il fiore della Mille e una notte (1974).

daniela di maro

Questo il senso del tema scelto quest’anno per la seconda edizione del concorso Metrocubo 2011: “sogni e migrazioni”.

Il concorso, ideato e organizzato dall’Associazione Culturale Quattrocentometriquadri, è nato nel 2010 grazie al sostegno di Angela Pezzuto con Shampoo-Teste d’autore, del main sponsor L’OREAL professional  e con il patrocinio degli Assessorati alla Cultura della Provincia e del Comune di Ancona.

Rivolto ad artisti e designers under 40, il concorso prevede un premio di 700 euro per il vincitore e una mostra collettiva per gli 11 finalisti che una giuria di esperti ha selezionato tra tutti i partecipanti.

Quest’anno la giuria è stata presieduta da Franco Marconi, gallerista marchigiano noto per l’attività di

giorgio dursi

sperimentazione che da anni promuove con il suo spazio a Cupra Marittima (AP), e ha coinvolto poi altri soggetti che per le loro esperienze e competenze rappresentano potenziali risorse per i giovani artisti: Andreina De Tomassi (giornalista), Riccardo Lisi (curatore e critico), Sabrina Maggiori (curatore), Federica Mariani (curatore e giornalista) e dalle tre associazioni MAC-Manifestazioni Artistiche Contemporanee, White.fish.tank e Quattrocentometriquadri che nate da qualche anno ad Ancona per promuovere la giovane arte contemporanea. Ha partecipato alla giuria anche Angela Pezzuto per il main sponsor L’OREAL professional.

La collettiva presenterà al pubblico le 11 opere finaliste, per certi aspetti molto diverse tra loro ma unite dal tema “sogni e migrazioni” e dalla qualità che la giuria ha loro riconosciuto.

Soltanto all’inaugurazione, domenica 27 novembre, la giuria sceglierà il progetto vincitore, che verrà consegnato da Marta Massaioli, collezionista, curatrice e direttrice del magazine di arte contemporanea “CRUDELIA”. La rivista riserverà infatti al concorso Metrocubo e ai lavori dei finalisti selezionati un approfondimento in uno dei prossimi numeri.

L’inaugurazione si trasforma così in un momento importante di confronto e scambio tra artisti, operatori del settore e pubblico, che viene coinvolto anche per esprimere la propria preferenza tra le opere esposte.

elena gridneva

L’Associazione ha ritenuto infatti interessante prevedere un premio del pubblico che verrà simbolicamente consegnato dal Club Letterario Guasco di Ancona, che ringraziamo per la collaborazione.

L’inaugurazione sarà arricchita dal contributo musicale della giovanissima cantante Daiana Pamela Acosta. Di origine sudamericana, studia da tre anni canto lirico e moderno, frequenta la “Accademia delle belle Arti di Macerata” e si sta specializzando seguendo le lezioni della Maestra di canto lirico di Osimo Silvana Parini. Daiana Pamela Acosta conosce nel 2011 Andrea Bocelli, in visita ad Osimo, e da allora ne canta il repertorio di cui eseguirà alcuni brani.

In un pomeriggio invernale non potevano ovviamente  mancare vino e castagne per tutto il pubblico che avrà piacere di prendere parte a questo appuntamento.

Per la degustazione enologica, si ringrazia l’Antica Cantina Sant’Amico di Morro d’Alba (AN) per il contributo e la partecipazione.

Vi aspettiamo dunque domenica 27 novembre, dalle ore 17.00 in poi, alla galleria Quattrocentometriquadri di Ancona.

Mara Di Giammatteo

Per l’occasione la galleria si ‘espanderà’ con la mostra collettiva all’interno del vicino Mercato delle Erbe, che aprirà ‘straordfinariamente’ anche di domenica fino alle 22.00 grazie alla collaborazione degli operatori e della Confesercenti.

Infine un sentito ringraziamento si riserva per Angela Pezzuto di Shampoo_Teste d’Autore (via Piave 17, Ancona) che da sempre ha creduto, sostenuto e collaborato con l’Associazione Culturale Quattrocentometriquadri per la realizzazione di questo concorso e per la sua promozione nel territorio.

michela pozzi

La foto scelta per il manifesto è un suo personale contributo in qualità di hair designer al tema del concorso, che non interessa certo solo il campo delle arti visive ma l’immaginario di tutti noi.


Patrocinio
Provincia di Ancona – Assessorato alla Cultura
Comune di Ancona – Assessorato alla Cultura

Main sponsor 
Shampoo di Angela Pezzuto, via Piave 17, Ancona
L’OREAL professional

Sponsor enologico

Antica Cantina Sant’Amico di Morro D’Alba (AN)

Si ringraziano per la collaborazione:

[CRUDELIA?] Contemporary Art Magazine

Club Letterario Guasco di Ancona

Confesercenti Marche

Credits

Ufficio stampa: Isabella Tombolini

Collaborazione nella organizzazione: Nicoletta Carnevali

Foto: Maria Francesca Nitti
INFORMAZIONI
www.quattrocentometriquadri.eu
gallery@quattrocentometriquadri.eu
3934522197 /3382430040


ARTISTI FINALISTI

Lorenzo Bartolucci e Pietro Baldoni

Casa dolce casa  (2011)

Telaio in legno rivestito con confezioni in tetrapak cucite tra loro e composizione audio

50x75x98 cm

Lorenzo Bartolucci e Pietro Baldoni

 “Sogni in tetrapak, di Daniele De Angelis

«Stavano lì, ad incurvarsi o sdraiarsi, su panche e tavolini nel parco. Di cartone in cartone, al sole, evaporavano il proprio odore in vino. Parlavano molto, nei suoni della propria lingua, poi, con il passare del giorno, smettevano e nel fissare appannavano gli occhi, che per vedersi non servono specchi».

Quante volte un oggetto possiede la capacità di riassumere un’esistenza: dalla ventiquattrore del professionista al cappello del cuoco, dalla maglia di una squadra di un tifoso al ciuccio di un neonato. Eppure, per evitare lo stereotipo, l’oggetto deve evitare ogni sorta di tautologia, così da scardinare il didascalismo insito nella simbiosi cosa-possessore. L’oggetto riassumerà, allora, la vita del proprio referente non in quanto semplice feticcio ma quale suo alter ego, presenza a sé stante capace di amplificare il risultato di un’interazione drammatica. Il cartone di vino, materiale scelto da Lorenzo Bartolucci per realizzare la sua opera, smette di essere raffigurazione di una passione o di un vizio, di uno status sociale o di un’identità culturale e si carica di significati ulteriori, diventando specchio di chi con esso interagisce.

Un semplice oggetto in tetrapak si fa emblema attivo, con la sua presenza, del fallimento di un desiderio, di un’attesa, di una speranza: poter cambiare vita. In modo semplice e diretto Bartolucci e Baldoni spingono  sotto i nostri occhi il dramma attuale dell’alcolismo tra molti immigrati che, arrivati nel nostro paese dopo viaggi estremi e violenti, non riescono o non hanno la possibilità di poter vedere concretizzata la propria voglia di una vita migliore e più giusta. I cartoni di vino a buon mercato e di scadente qualità diventano, così, la medicina buona ad alleviare una condizione di completa disperazione, quella di chi senza nulla si ritrova in un paese straniero e spesso estraneo, esterno, perché chiuso nelle proprie feroci diffidenze, dove risulta impossibile affermare la propria individualità.

Un’individualità ricercata e voluta quale base necessaria affinché il confronto possa essere alla pari, e che Bartolucci esemplifica icasticamente assemblando con i cartoni del vino una piccola casa, ossia il simbolo di una necessità primaria. Una casa in tetrapak, rifugio e dannazione insieme, costruita con il marchio della propria sconfitta; eppure indispensabile, vitale, protettiva anche nella sua fragilità, inseparabile da chi la abita, tanto che l’artista la munisce di quattro piccole ruote, facendo sì che il luogo del riparo tanto atteso sia, per l’emigrante, nel medesimo tempo desiderio di cambiamento e patrimonio culturale ereditato. Ma è anche mobilità che cova in sé incertezze, tensioni, paure e ambiguità dolorose, come sottolineano sia il tappeto sonoro realizzato da Pietro Baldoni, risultato di  differenti intonazioni ottenute dal suono di alcuni calici di cristallo, sia l’ammiccamento italico dei colori. Dal rosso, al verde, al grigio/bianco della parte interna del tetrapak, la casa sembra assumere le caratteristiche di un anti-monumento nazionale, per un’Italia nella quale concrete politiche per l’immigrazione latitano e il provincialismo della popolazione trasforma gli averi, come ad esempio un alloggio, in un effimero baluardo a salvaguardia di un vuoto concetto di italianità e nazione. Non volendo comprendere l’importanza del saper accogliere e condividere, ci si trincera dietro sterili sigle quali DOC e Made in Italy, mentre in modo ipocrita si lascia che i nostri scarti avvelenino l’altro, l’estraneo.

La Casa dolce casa di Lorenzo Bartolucci e Pietro Baldoni, spiazzando con l’apparente innocenza di una costruzione per bambini, conduce l’osservatore dentro un dramma che, su quattro ruote, tutti ci portiamo dietro e verso il quale il nostro cinismo e i nostri irrazionali timori devono cedere.

«E provò a fuggire; e quando fu molto, molto lontano, si guardò attorno: non c’era più nulla. Nulla di triste: non la casa con il breve portico, non la stradicciola tortuosa tra i fossi, non le croci coperte di muschio. Nulla, proprio nulla: e l’uomo si mise a piangere». (Giorgio Manganelli)

Pietro Baldoni è nato nel 1980 ad Ancona. Vive ad Offagna (AN).

Chitarrista, compositore polistrumentista e sound designer. Musicista poliedrico, suona costruendo musiche ed ambienti sonori elettroacustici fondendo tra loro trame melodiche e rumoristiche. Suona in diverse formazioni, compone soundtracks e musiche di scena.

Lorenzo Bartolucci è nato nel 1979 aTortona (AL). Vive ad Ancona.

Diplomatosi all’Accademia di belle Arti di Macerata ha cominciato ad affacciarsi al mondo dell’arte contemporanea con diverse mostre nel panorama regionale tra le quali ricordiamo: MARE MOSTRUM per il festival ADRIATICO MEDITERRANEO, POP–up ad Ancona, ARTIKA a Recanati. Nel 2009 è selezionato per partecipare al WORKSHOP con l’artista cubana TANIA BRUGUERA. L’installazione è il modo con cui preferisce realizzare i suoi lavori sempre intrisi di un’amara ironia!

 

Marco Bernacchia

Portable tree (2007)

Legno e ganci metallici

200x300x200 cm

marco bernacchia

Un albero smontabile, sezionato e ricomposto da ganci metallici è posizionato al centro di una stanza vuota .

La natura, in questo lavoro, si piega alle volontà ed alle esigenze dell’uomo.

Un albero portatile, privato delle radici diventa un oggetto senza più una funzione .

Si trasforma in un totem senza passato, un oggetto della memoria , un monito favorevole/contrario alla delocalizzazione  mentale prima che fisica.  .

Pur mantenendo la propria identità e connotazione geografica è un corpo senza significato.

Questo albero spoglio privo di radici non è altro che una rappresentazione insensata del vero oggetto di riferimento e pur spostandosi e vivendo nuovi luoghi non vive,  .

È lontano il suo vero luogo di origine a cui è stato strappato.

Questo luogo, come un cortocircuito, ri-vive solo nelle nostre menti.

noi associamo la sua immagine al suo vero essere e al suo luogo di origine, ma oramai lui è altro.

davanti a noi ha perso il suo senso iniziale, ha lasciato il suo ruolo  e ne a trovato uno nuovo. . ora rappresenta la nostra e la sua solitudine.

Marco Bernacchia è nato a Senigallia (AN) nel 1979, dove vive e lavora

Frequenta e si laurea presso l’Accademia di Belle Arti di Urbino.

Mostre personali:

2006 “GINNASIO PROJECT WINDOW” (Trevi Flash Art museum, un progetto di Maurizio Coccia)

2007 “segue dibattito” a cura di Matilde Martinetti. Presso la pinacoteca comunale di Città di Castello.

2008 “WRONG VERSION” presso la galleria FUORI ZONA  di Sandro Acquaticci a Macerata.

2008 “ABOVEtheTREE”  a cura di Ulrich Bemmann, presso lo sazio Alte Feuerwache Lpschwitw a Dresda (germany)

2009“THE PROBABLY GROUP” presso la galleria Franco Marconi a cura di Elvira Vannini.

2010 “RECYCLE RACING” presso la galleria white project di pescara.

 

Alice Bescapè

Andata senza ritorno? (2010)

Installazione audio-video.

Ideazione: Alice Bescapè; riprese e montaggio: Fatima Bianchi; installazione sonora: Attila Faravelli

Schermo di 300×200 cm, 2 casse audio e tavoli per materiale sonoro e cartaceo

alice bescapè

Video, registrazioni sonore, disegni originali e immagini della vita di giovani Italiani residenti all’estero, raccolti durante una  serie di viaggi organizzati per incontrarli ed intervistarli creativamente, restituiscono frammenti di emozioni, ricordi, sensazioni, sogni, dolori e desideri sul futuro. Una mappatura esistenziale della nuova migrazione impressa in una stanza che risuona di un eco di domesticità a memoria dell’intimità degli incontri.

Andata senza ritorno è l’installazione esito di un ciclo di interviste performative. Fare un’intervista performativa significa lasciare traccia delle testimonianze relative al tema della nuova emigrazione italiana, su supporto cartaceo, audio, video e fotografico. Ognuno di questi supporti è stato processato per interrogare gli intervistati secondo una

forma precisa che orientasse la testimonianza, favorendo anche per chi non è un tecnico del fare arte, una domanda oltre che su cosa comunicare -il contenuto-  anche sul come  -la forma- giocando sul rapporto tra limite e libertà espressiva. Nel  passare dei giorni queste testimonianze hanno creato una mostra in fieri  ad uso della comunità

italiana all’estero che si è trovata e conosciuta nel parteciparvi e nel visitarla.

Teatri di Migrazione ha viaggiato per tre importanti città europee (Parigi, Berlino, Barcellona) interrogando creativamente giovani italiani dai 25 ai 40 anni. Il taglio delle interviste insiste sull’esperienza esistenziale, il vissuto personale: il set insiste sul tracciare una mappa emotiva, sensoriale ed esperienziale relativa alle persone incontrate.

Alice Bescapè è nata a Milano nel 1979. Vive a Padova. Laureata in Filosofia con una tesi sulla poieticità del gesto teatrale, si interessa di teatro sotto il profilo teorico e pratico studiandolo con diversi pedagoghi italiani e

stranieri. E’ costantemente attratta dalla polimorficità dell’evento “teatro”, interessata ad indagare la zona di confine tra le discipline artistiche dal vivo, con particolare attenzione alla performance orientata all’interazione con il pubblico nella ricerca di esperienza e produzione di significati comuni.

La ricerca artistica di Fatima Bianchi nasce da un percorso trasversale tra il campo delle arti visive, grafiche e della comunicazione multimediale-interattiva.

Nata a Milano nel 1981 compie i suoi studi alla Nuova Accademia di Belle Arti, si dedica alle arti visive collaborando a vari progetti con Isabella Bordoni, Lucy Orta, la Fondazione Forma, l’Agenzia Contrasto. Dal 2009 fonda Studio Itutu dove lavora quotidianamente a fianco di Nicola Ratti, musicista.

Attila Faravelli ha studiato composizione elettronica con Alvise Vidolin e Michele Tadini. Il suo primo lavoro solista (Underneath The Surface, pubblicato l’anno scorso dall’etichetta Die Schachtel) è stato realizzato dopo diverse esperienze come compositore per teatro, danza, film muti, audiolibri e installazioni artistiche. La sua musica è prevalentemente basata su assemblaggi organici di suoni raccolti in tempi e luoghi diversi e prodotti con tecniche varie, piuttosto che il risultato di un principio architettonico. I suoni sono liberi di attrarsi o respingersi in accordo al loro proprio carattere. Suona con Andrea Belfi nelduo Tumble (il loro debutto For Tumbling è stato recentemente pubblicato da Die Schachtel all’interno della collana di musica improvvisata italiana Musica Improvvisa).

Suona inoltre con Nicola Ratti nel duo Faravelliratti (Lieu – Coriolis Sounds/Boring Machines). Ha collaborato con Claudio Sinatti, Cineteca Italiana Museo Del Cinema, Antonio Latella, Augusto Contento, Andrea Caccia, Nicola Martini, Alessandro Scandurra. Ha recentemente sonorizzato il Padiglione Italiano all’interno dell’ultima Biennale Architettura di Venezia.

 

Mara Di Giammatteo

Selfish (2011)

Video (di performance) e 4 foto.

Il progetto del video è nato da un0idea dell’artista di elaborare attraverso la video-proiezione l’idea di un iter artistico, racchiuso come in una “scatola chiusa”. “Selfish”, che prende in prestito alla lingua inglese il termine ‘egoista’, che nel suo significato intitola il modus operandi dell’artista. In questa ricerca l’artista, chiusa da sola in una stanza di un palazzo dell’ottocento, ha messo in scena per se stessa la performance, auto-filmandosi con una telecamera, decidendone il rapporto di distanza – inquadratura – tempo di ripresa.

Lo stesso montaggio del video è stato scelto, tagliato e montato dall’artista.

Selfish è la lotta quotidiana del fare arte, metaforicamente la continua lotta dell’andare oltre I limiti e I canoni del giàè conosciuto, già intrapreso, del trovare nuove soluzioni che diano svolte al proprio lavoro.

Selfish è anche la rappresentazione della condizione in cui spesso gli artisti si ritrovano ad operare, costretti nella solitudine dei propri spazi, dei propri egoismi e delle difficoltà economiche che limitano sempre più investimenti e luoghi adibiti all’arte.

Selfish è la migrazione di un corpo verso una mutazione di un sogno o di una realtà di fatto rielaborata, dal punto di vista semantico, in una mappatura di gesti e movimenti legati alla memoria dell’uomo

Mara di Giammatteo è nata a Teramo nel 1973, dove si diploma al Liceo Artistico Stat. , prosegue i suoi studi trasferendosi a Bologna dove entra nell’Accademia di Belle Arti, nella scuola di Concetto Pozzati. Nel 1996 si diploma in Pittura con una ricerca di tesi dal titolo “Percorsi di Memoria-nell’opera artistica di Christian Boltanski”, Artista con il quale ha collaborato nell’allestimento di una sua retrospettiva dal titolo “Pentimenti”, nel Maggio 1997 a Villa delle Rose Bologna.

Ha partecipato a numerose mostre nazionali ed intern. vincendo anche  Concorsi di Grafica e di Illustrazione.

E’ presente nella Collezione del 1° Museo della Donna in Arte in Italia, Scontrone AQ; è citata nel volume 900’ Artisti ed Arte in Abruzzo, di A.G. Zimarino.

Collabora attualmente con la  MLB  Gallery di Ferrara e con la Baut’Arte di Montorio al V.(TE).

Pubblica libri di illustrazione per l’infanzia come  Le Leggende della Montagna Addormentata (anno 2001)che ha vinto il 1° Premio Nazion.Narrazione Valsecchi, La Ricetta Favolosa (anno 2008) ediz.Media, Lucio e l’Aquila (anno 2010) e Caterina e Kupe (inedito).

Vince 1° Premio per la realizzazione d’immagine pittorica del Concorso Naz. IDEAIDS per la giornata mondiale di sensibilizzazione sull’AIDS, Palazzo Notai  1 Dicembre 1998.

Il suo talento la porta a realizzare scenografie per spettacoli teatrali e di danza, in Italia ed all’estero e nel 2009 per Cortometraggio di Pietro.A. Di Pasquale , “Tutto questo tempo!”

Fonda nel 1996 Compagnia di Teatro danza TEATRI de le Rùe, con i quali prosegue le sue ricerche nelle discipline delle espressività corporee e teatrali.

Vive a Pietracamela (TE).

Hanno scritto di lei: Nerio Rosa, Laura Fabbri ,V. Lilla E A. Marini,  A. G. Zimarino ,   M. Malaspina,  Dimitri Bosi,  M. Livia  Brunelli,  S. Gambacorta , F. Lanci.

DDM [Daniela Di Maro]

Migrations (2011)

Video DV/PAL – 640×480 durata 5’13’’

Migrations racconta il delicato momento della partenza degli uccelli verso luoghi della Terra a loro più favorevoli. Compiendo, nel cielo, spettacolari evoluzioni dettate da molteplici fattori biologici, gli uccelli, come gli uomini, vanno alla ricerca delle condizioni ideali per “generare e rigenerarsi”. Nonostante la conflittuale presenza dell’uomo che spesso destabilizza il loro orientamento, gli uccelli hanno l’atavica capacità di prefigurarsi, nella mente, delle vere e proprie mappe geografiche del territorio.

Le rotte migratorie, però, non risultano costanti ma si modificano in modo più o meno marcato: spesso questo è dovuto appunto a fattori di disturbo antropici, come la presenza di forti illuminazioni che alterano l’orientamento notturno offuscando la percezione delle stelle o operazioni di bonifica che eliminano superfici palustri su cui gli uccelli sostavano e traevano informazioni per l’orientamento.

I gruppi esaminati e in movimento, sono composti da migliaia di volatili che si trasformano e si stagliano come piccoli punti grigi sul fondo bianco del cielo. Ancora una volta, le immagini rarefatte e dotate di pochi elementi di riferimento, creano un’ambiguità percettiva che trasforma queste creature in altri organismi microscopici e in continuo movimento.

DDM [Daniela Di Maro] è nata a Napoli nel 1977. Vive e lavora a Milano.

Personali: 2010 IN_Sonora, IED Madrid. Rumore Bianco#04DDM, Quattrocentometriquadri gallery, Ancona. 2009 Linfa Sintetica, Ciocca Arte Contemporanea, Milano. Ivy Noise, Akneos, Napoli.

Collettive: 2011 2Video, Rassegna trasversale di video d’artista, Undo.Net. Start Forum Arteambiente, Roccagloriosa (SA). Videoart Yearbook, sedi varie. Home_nature-Front of Art (TV). 2010 Venduto1-31 Artisti Vs 20 mq (MI) a cura di Visualcontainer. Premiata Officina Trevana, Palazzo Lucarini (PG). 2009 Finalista Premio Celeste, Fabbrica Borroni (MI).

Giorgio Dursi

House Sweet House (2011)

installazione 65bx180hx45p cm; 3 stampe a colori, 70×50 cm; 1 stampa a colori, 50×70 cm;

Di Valentina Urriani

Secondo lo psicologo junghiano Papadopoulos, “la casa non è soltanto un luogo, ma anche il fascio di sentimenti associato a esso”. Analizzando le generazioni immediatamente precedenti alla nostra, possiamo affermare che i nostri nonni migravano all’estero per lavorare e tornare con i fondi sufficienti alla costruzione di un futuro in patria. Il loro sogno era semplice, pratico e realizzabile con integra fatica. La nostra generazione si scontra ogni giorno con la ricerca affannata di una propria identità individuale e sociale. La buona volontà e le skills sembrano non essere mai adeguate alla costruzione del proprio futuro, così da far riporre le nostre belle speranze quotidiane in craigslist e affini. House Sweet House è una casa dall’architettura primitiva che indaga sull’equilibrio, tra il desiderio di stabilità e l’aspirazione di mettersi alla prova in un mondo le cui distanze sono sempre più brevi. È una casa individuale che trae ispirazione dal modello proporzionale dell’Uomo Vitruviano, destrutturandolo. Il titolo dell’opera è la rielaborazione del modo di dire Home Sweet Home, per rafforzare il concetto di abitativa portata all’estrema sintesi. È costruita ad hoc intorno all’individuo contemporaneo, che ha con sé il proprio bagaglio culturale di esperienze e il peso di esigenze sempre più complesse. L’artista si interroga su quali siano oggi le differenze reali tra nomadismo e cosmopolitismo.

Giorgio Dursi è nato nel 1982 a Nereto (TE). Vive a Martinsicuro (TE)

Laurea triennale in Storia dell’Arte Contemporanea (La sapienza, Roma). Corso in Comunicazio­ne e Creatività Pubblicitaria (Accademia di Comunicazione, Milano).

Internship presso Saatchi&Saatchi, MIlano.

-Il gatto di Schroedinger, a cura di Valentina Urriani. Monteprandone (AP).2011

-Viaggio2, Fermo (FM).2011

-H, Macerata (MC).2010

-Radical EveryDay, Grottammare (AP).2010

-zZzleeping, con la collaborazione di Poliarte Ancona. San Benedetto del Tronto (AP). 2010

-Stanze Aperte, Altidona (FM).2009

Massimiliano Grandoni

Giovane occidentale (2011)

Collage digitale, matita; stampa giclée su tela

60×42,5 cm

massimiliano grandoni

Storicamente le motivazioni che spingono le grandi migrazioni di un popolo o di un solo individuo sono quelle solite, quelle che si conoscono da sempre: carestie, guerre, fame, lavoro.

L’essere umano che si trova a fronteggiare cause che minacciano i suoi bisogni primari e la sua stessa sopravvivenza spesso ha una sola possibilità, fuggire, allontanarsi, migrare in un altro paese o continente, poco importa della distanza da percorrere, ciò che muove l’azione è la speranza, il sogno di una terra promessa, o ancora meglio è la disperazione che innesta nell’individuo l’idea che rimanere non lo risparmierà alla disgrazia imminente.

La disperazione quindi più di ogni altra cosa ha mosso milioni di essere umani da una parte all’altra del nostro pianeta, come grande forza motrice salvifica, capace di suggerire e di pianificare sopra ogni paura una via di fuga.

Oggi milioni di giovani nel nostro mondo occidentale e globalizzato si trovano in assenza di quella disperazione, un’intera generazione orfana di “Padri”, di sogni e forse sempre più consapevoli che la terra promessa sia solo un miraggio,  un’utopia minacciata da un realtà cieca e decadente, capace soltanto di mostrare il suo limite: il mondo è uno e il sistema è al collasso.

Forse non è più tempo di partire, per andare dove poi… restiamo, possiamo ancora sognare.

 

Massimiliano Grandoni è nato nel 1979 a Camerino (MC). Vive e lavora ad Ancona

Istitito Statale d’Aarte di Fabriano, Centro Sperimentale di Design, Ancona. Esposizione a “Cartacanta ‘11” di Civitanova Marche, per la Mediateca delle Marche. Donazione di 10 illustrazioni, omaggio al film “OSSESSIONE” di Visconti, al MUSINF, Museo dell’Informazione e Arte Moderna di Senigallia, durante una lezione da me tenuta allo stesso museo, sulla mia opera e sulla tecnica del collage digitale. Publicazione nella rivista inglese “Twofold” magazine che si occupa di arte digitale.

 

Elena Gridneva

Ad astram per aspera (2011)

Otto stampi di piedi alati in argilla

120×75 cm

L’opera “Ad astram per aspera” consiste in 8 stampi di piedi alati disposti in una leggera curva. Sia il materiale scelto, sia il numero dei componenti, sia la loro disposizione non sono casuali.  L’argilla richiama il mito della creazione dell’uomo che s’incontra in diverse culture, da quella sumera fino ad arrivare a quella cristiana e mussulmana. L’altro richiamo mitologico può essere visto nel soggetto stesso, il piede alato che è uno dei simboli di Mercurio, dio dei viaggiatori.

L’opera rappresenta in realtà un percorso individuale, tortuoso, di una persona che “rischia la certezza per l’incertezza per inseguire un sogno”. Molto spesso, però, non ha neanche quel poco di cui rischiare, alle spalle non lascia che penuria, guerra, distruzione. “Ad astram“ non è solo un cammino verso terre nuove e una vita nuova, ma anche un viaggio verso se stesso, verso la dignità e la libertà, un viaggio difficile, dove non si sa né il punto né il tempo di arrivo, né, molto spesso, la strada da seguire. Ma nonostante, o forse proprio grazie a tutte queste difficoltà, questo viaggio rende la persona migliore, più completa, capace di unire in sé diverse realtà.  Questo viaggio, così profondamente intimo e personale, in realtà tende ad essere universale, perché comincia con i nostri lontani avi che osarono andare “oltre”. Infine l’opera è il simbolo stesso del percorso dell’umanità, fatto di grandi sogni e dai tentativi di inseguirli.

Elena Gridneva è nata nel 1989 a Cerkessk (Russia). Vive a Napoli.

2010 Iscrizione all’Accademia di Belle Arti di Napoli

2010 Partecipazione alla performance  “Prove di resistenza” di Peppe Cappasso (Nola)

2011 Mostra “Altri corpi” (Galleria del giradino dell’Accademia di Belle Arti di Napoli)

2011 Land Art al lago d’Averno

2011 Extemporanea di scultura al Kinky Klub (Napoli)

Floriana Pastore

Cuore d’Italia (2011)

Coperta in tessuto di lana rosso.

Stesa 170x115x3 cm, piegata 42,5×57,5 x 24 cm

Floriana Pastore

L’emigrazione continua da e verso tutte le regioni d’Italia, portando con sé cumuli di nostalgia, costretti a scegliere tra ambizioni ed affetti. L’emigrazione arriva anche da luoghi lontani che nel nostro Paese cercano la vita e trovano difficoltà nell’integrazione.

Cuore d’Italia nasce da una riflessione sul valore affettivo, di accoglienza, di protezione che oggi giorno si fatica a trovare. Si traduce attraverso il calore il ruolo immateriale e iconico che l’Italia nel nostro presente dovrebbe avere. Il lato superiore della coperta appare semplice: rettangolo in tessuto di lana rosso 170×115 cm.

Ci si accorge però che nella parte centrale è leggermente rialzato. Quasi a nascondere qualcosa. Giriamolo.

La parte in rilievo è una calda trapunta in piuma d’oca con le cuciture che ripercorrono i confini delle rricompone in cuore umano.

Breve curriculum dell’artista

Floriana Pastore è nata nel 1984 a Policoro (MT) in Basilicata. Si è poi trasferita prima a Firenze, conseguendo la laurea triennale in Disegno Industriale nel 2007, poi a Milano, laureandomi alla Magistrale al Politecnico nel 2010.

Parallelamente all’università ho lavorato in studi e aziende, creandomi una preparazione oltre che nei prodotti anche nel design di eventi e interni.

Attualmente sono assistente alla progettazione di allestimenti di showroom Cassina in Italia e all’estero.  

 

Michela Pozzi

Aree di confine (2011)

2 videoinstallazioni “E’ stato passato il confine” e “Terra di confine” con proiezione su muro e video;

dittico fotografico “Gente di confine”, 50×70 cm, ognuno con cornice

Il territorio italiano preso in considerazione è quello confinante con la Repubblica di San Marino. Essendo cittadina di entrambi gli Stati e confrontandomi continuamente con i due territori, ho sentito la necessità di frequentare e indagare queste aree di confine e ricercare il senso del luogo. I confini sono zone marginali, spazi multiculturali, aree della biodiversità, che mettono in contatto persone, culture e identità.

Nel video E’ stato passato il confine, il confine tra territorio italiano e territorio sammarinese viene occupato e abitato con l’intenzione di rivendicare uno spazio ma anche un’identità, che allo spazio è strettamente legata. Questo modo di stare al margine richiama la scelta consapevole di manifestare la mia identità vagante tra uno Stato e l’altro.

Nel video Terra di confine si vuole evidenziare come il concetto di confine sia radicato nella terra. Il vomere, trascinato dall’aratro, segna il solco territoriale tra i due Stati. Rompe la terra, strappa le radici e sradica tutto ciò che incontra.

Il lavoro diventa fortemente antropologico nel dittico fotografico Gente di confine dove ho coinvolto una famiglia che abita tra il territorio sammarinese e quello italiano in quanto la loro abitazione è divisa da un’immaginaria linea tra i due Stati. Nel muro dove “simbolicamente” si trova il confine, è stato progettato e creato un altarino dove gli abitanti hanno scolpito gli stemmi dei due Paesi e installato degli oggetti significativi.

Michela Pozzi (San Marino, 1980). Frequenta l’Istituto d’Arte e l’Accademia a Urbino. Vince il concorso Pagine Bianche d’Autore 2008/2009 conquistando la copertina dell’elenco telefonico della regione Marche, è finalista al Premio Celeste 2009 per le sezioni fotografia e video.

Tra le principali esposizioni recenti: Invasion one, Altomonte (Cs), a cura di Giovanni Viceconte; Strategie di Sopravvivenza, Cremeno (LC) a cura di Nila Shabnam Bonetti; Il Gatto di Schroedinger,Monteprandone (AP), a cura di Valentina Urriani; Nemeton, perdersi nel bosco iniziatico, Magenta (MI), a cura di Nila Shabnam Bonetti;Premiata Officina Trevana 2011, Palazzo Lucarini Contemporary, Trevi (Pg), a cura di Maurizio Coccia e Matilde Martinetti; Border Transit,  galleria 91 mQ, Berlino e Paratissima,Torino, a cura di Valeria De Simoni e Massimiliano Messieri; Ad-dress, Sponge Arte Contemporanea, mostra personale, Sponge Living Space, Pergola (Pu), a cura di Stefano Verri; Godart 2010, Museo Laboratorio, Città Sant’Angelo (PE),  a cura di Enzo De Leonibus; Videoart Yearbook 2009.

Punta_Spillo (Chiara Ludolini e Serenella Tomassini)

Di giovinezza si muore (2011)

proiezione video su muro di cuscini

350x280x20 cm

punta spillo

“Di giovinezza si muore” è  un’istallazione modulare e polimorfa che si struttura dall’interconnessione di un numero variabile di multipli a partire dal modulo del cuscino.
Se l’esposizione di un oggetto così privato è intesa come sineddoche del sogno ( luogo dove esso accade), l’accumulazione della serie di multipli cuciti l’un l’altro traccia una mappa metaforica del rapporto d’interconnessione tra sogno intimo/sogno collettivo, individuo/massa, desiderio utopico/reale.
La forma derivante da questo accumulo è polimorfa nella misura in cui la qualità di morbidezza del modulo viene declinata nell’installazione: tesa, strizzata, appesa, schiacciata o calpestata.
I multipli assemblati occupano uno spazio che definisce inevitabilmente un limite al tempo stesso reale e immaginario. Il cuscino come modulo assume allora la stessa forma-funzione di un mattone per un muro, un sacco per una trincea, una maglia per una rete. 
Il limite taglia spazialmente la realtà in due territori, e si carica di significanti come identità, proprietà, protezione, difesa e attacco:è una linea doppia che genera due sistemi di prospettiva.
L’installazione traccia uno spazio liminale che estremizza il rappoto tra sogno e realtà e tenta di decifrare quali siano le interconnessioni tra il diritto del singolo a realizzare il proprio desiderio e la realtà del luogo/territorio in cui nasce o migra; quali siano le interconnessioni tra i metodi e i dispositivi per proteggere e salvaguardare il sogno realizzato di qualcuno e la sofferenza di qualcun altro; quali siano le interconnessioni di responsabilità tra gli individui per la creazione e la realizzazione di un sogno comune.
Un limite è però anche una soglia che, come il sogno, apre a nuovi spazi. 
Prendere coscienza del legame indissolubile tra sogno individuale e quello collettivo, significa sapere che se quest’interconnessione da un lato può trasformarsi in conflitto, dall’altro può invece creare una nuova forma di resistenza, e portare un nuovo e rigenerato potere alle masse.

Breve curriculum del collettivo

Punta_Spillo, è un collettivo artistico che nasce a Manchester (UK) dall’unione della scenografa Chiara Ludolini, nata ad Ancona nel 1984, e dalla pittrice Serenella Tomassini, nata nel 1983 ad Amandola (AP).

Muove i suoi primi passi nell’ambiente artistico inglese e dopo l’iniziazione e la contaminazione del panorama oltremanica decide di trasferirsi in Italia.

Con uno sguardo curioso ed incisivo sulla società e su ciò che lo circonda, unito ad un’ innata attitudine alla provocazione, intreccia diversi linguaggi con la volontà di andare alla ricerca delle disfunzioni e dei cortocircuiti che muovono il desiderio.

Ancona, 7 novembre 2011

Associazione Culturale Quattrocentometriquadri

Annunci

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: francescotadini61@gmail.com

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

MIA Fair 2013 Milan Image Art Fair fotografia
 MIA Milan Image Art Fair 2013 Superstudio Più. Inaugurazione MIA Fair 2013: venerdì 10 maggio. Milan Image Art Fair, la più rilevante fiera di fotografia in Italia, proseguirà sabato 11 maggio e domenica 12 maggio al Superstudio Più di via Tortona 27 a Milano con 180 espositori, tra gallerie d’arte, fotografi indipendenti ed editoria specializzata in fotografia  - >LEGGI INFO.
Jean Clair - intervistato da Giancarlo Ricci Milano Arte Expo
 Jean Clair, MEDUSA: Giancarlo Ricci intervista Jean Clair per Milano Arte Expo. A partire dal suo libro Medusa (Abscondita Edizioni, Milano 2013) abbiamo posto alcune domande al suo autore, Jean Clair, rinomato critico e storico dell’arte, saggista, ex direttore del Museo Picasso di Parigi. >>LEGGI
Stanley Kubrick fotografo, Palazzo Ducale Genova mostra
STANLEY KUBRICK Fotografo PALAZZO DUCALE DI GENOVA dal 1 maggio al 25 agosto 2013. 160 fotografie di STANLEY KUBRICK. La mostra da un aspetto meno noto nella carriera del grande regista statunitense quando, nel 1945, a soli 17 anni venne assunto come fotoreporter dalla rivista americana Look. L’esposizione, ideata da GAmm Giunti, curata da Michel Draguet, presentata lo scorso anno in prima mondiale al Musées Royaux des Beaux-Arts de Belgique a Bruxelles, è coprodotta da Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura e da Giunti Arte Mostre Musei, in collaborazione con il Museum of the City of New York - che custodisce un patrimonio ancora in parte sconosciuto di oltre 20.000 negativi di Stanley Kubrick.
Spazio Tadini - Isa Locatelli
ISA LOCATELLI Spazio Tadini, Milano Ancora pochi giorni per vedere la mostra di Isa Locatelli dal titolo LEGAMI a Spazio Tadini Arte Contemporanea di Milano. E martedì 12 marzo 2013, andrà in scena lo spettacolo L’ultima madre di e con Afra Crudo. Dalle ore 18:00 APERITIVO mortadella e champagne, ore 19:30 SPETTACOLO. >  Continua a leggere
Galleria Blu Milano
Gallerie arte contemporanea Milano: Galleria Blu IL SENSO E LE FORME Da Chadwick a Bonalumi. Inaugura lunedì 11 marzo 2013, ore 21 la mostra alla Galleria Blu con opere degli artisti Vincenzo Agnetti, Hans Arp, Agostino Bonalumi, Lynn Chadwick, Claudio Costa, Alik Cavaliere, Vincenzo Ferrari,  Lucio Fontana, Emilio Isgrò, Piero Manzoni, Jason Martin, Sandro Martini, Bruno Munari,  Arnaldo Pomodoro, Alessandro Verdi. >LEGGI
MUSEO PECCI MILANO, PER COMBINAZIONE ALTRE PROPOSTE DALLA COLLEZIONE DEL MUSEO
MUSEO PECCI MILANO (MAPPA) - PER COMBINAZIONE ALTRE PROPOSTE DALLA COLLEZIONE DEL MUSEO - Opere di MARCELO CIDADE, FRANCO IONDA, JANNIS KOUNELLIS, PHILIP LORCA DI CORCIA, JACOPO MILIANI, VIK MUNIZ. Progetto speciale: MARIA MULAS, 50 ritratti fotografici di artisti e critici. Video Room RAINER GANAHL, Bicycling Damascus (2004)
INAUGURAZIONE martedì 5 marzo 2013, ore 18. Apertura fino a sabato 6 aprile 2013 >informazioni
Van Gogh
Giancarlo Ricci per Milano Arte Expo – ....  La cosa straordinaria in questo libro è che evidenzia una constatazione su cui pochi si sono soffermati: in più di duemila opere del grande artista, il nome Vincent Van Gogh non è mai scritto. > Continua a leggere
Milano Arte Expo - Fondazione Marconi
Fondazione Marconi di Milano aderisce al progetto Documenti d’Arte del Novecento di Milano Arte Expo con una vasta mole di materiale storico che verrà messo on line. Altre gallerie e fondazioni stanno unendosi a questo cospicuo e progressivo piano di lavoro. Per  collaborare: milanoartexpo@gmail.com.
Il testo che segue è pubblicato nel fascicolo Studio Marconi Documenti n° 8 del 1982La nuova pittura tedesca >leggi
Marinetti chez Marinetti
GALLERIA RUSSO Roma, Marinetti chez Marinetti. Maurizio Calvesi è curatore di una mostra che presenta oltre 40 opere provenienti dalla collezione privata di Filippo Tommaso Marinetti: Luigi Russolo, Tullio Crali, Fortunato Depero, Ardengo Soffici, Rougena Zátková, Antonio Marasco, Gino Galli, Renato Di Bosso, Mino delle Site ... Marinetti chez Marinetti inaugura alla Galleria Russo (MAPPA) venerdì 15 febbraio 2013 e prosegue fino al 15 marzo. > LEGGI
GIULIO PAOLINI GIACOMO GUIDI - ARTE CONTEMPORANEA
GIULIO PAOLINI Giacomo Guidi Arte Contemporanea, Palazzo Sforza Cesarini -  Corso Vittorio Emanuele II, 282/284 ROMA (MAPPA) Inaugurazione 15 febbraio 2013 ore 19. Per la personale da Giacomo Guidi, Giulio Paolini ha realizzato due nuovi lavori, introdotti da undici collages. Il titolo della mostra, Sulla soglia, come pure le opere su carta si richiamano al secondo capitolo del libro pubblicato di recente dall’artista, che funge da guida per i suoi attuali progetti espositivi (G. Paolini, L’autore che credeva di esistere, Johan & Levi, Milano 2012). >LEGGI
fabbrica del vapore viafarini
Fabbrica del Vapore Milano lunedì 18 febbraio 2013, 18.30 | There must be order – nine artists from Central Europe. Viafarini DOCVA con la mostra collettiva There must be order: Matej Gavula, Anetta Mona Chisa & Lucia Tkáčová, Lucia Nimcová, Zbyněk Baladrán, Ľubomír Ďurček, Anna Witt, Eva Jiřička, Kamen Stojanov. > LEGGI
Gli anni Sessanta nelle Collezioni Guggenheim, Arca di Vercelli
Gli anni Sessanta nelle Collezioni Guggenheim – Oltre l’Informale, verso la Pop Art: grande mostra allo spazio Arca di Vercelli – Chiesa di San Marco (MAPPA), dal 9 febbraio al 12 maggio 2013. Oltre 50 capolavori dell’arte europea e americana degli anni Sessanta del Novecento, dei protagonisti indiscussi di questa straordinaria stagione, come Robert Rauschenberg, Jean Dubuffet, Cy Twombly, Frank Stella e Andy Warhol, padre della Pop Art, presente in mostra con la celebre serie Fiori (Flowers) del 1964. 13 lavori provengono dalla Collezione Hannelore B. e Rudolph B. Schulhof, recentemente acquisita dalla Collezione Peggy Guggenheim, e saranno presentati qui per la prima volta al di fuori del museo veneziano. >leggi
alfa castaldi galleria sozzani milano
ALFA CASTALDI Galleria Carla Sozzani - Corso Como 10, Milano (MAPPA). Dal 17 febbraio al 30 marzo 2013 mostra retrospettiva di fotografia dedicata ad Alfa Castaldi, uno dei più poliedrici fotografi italiani. Inaugurazione sabato 16 febbraio 2013, dalle ore 15.00 alle ore 20.00. >leggi
Flash Art Event Milano
Flash Art Event Milano 8-10 febbraio 201355 mostre d’arte contemporanea, proposte dalle più importanti gallerie d’arte italiane - selezione curatoriale di Flash Art - unite  a Palazzo del Ghiaccio di Milano (MAPPA), per un intero week end da dedicare all’arte (giovedì 7, a partire dalle ore 19 fino alle 22, una preview per galleristi, collezionisti, stampa e accreditati)  GALLERIE: Annarumma, Area\B, Artforkids, Artra, Beo Project, Boccanera, Giovanni Bonelli, Ca’di Fra’, Cannaviello, Cart, Contini, Continua, Culture Hotel, Curti/Gambuzzi, Massimo De Carlo, Edicola Notte, Paolo Erbetta, FaMa,Santo Ficara, Frittelli, In Arco, Interno 18, Invernizzi, Jerome Zodo, Studio Maffei, Manzoni, Studio Marconi ’65, Primo Marella, Melesi, Massimo Minini, Pio Monti, Museo Laboratorio, Opere Scelte, Oredaria, Otto Zoo, PACK, Giuseppe Pero, Poggiali e Forconi, Claudio Poleschi, PrimoPiano, RAM, Rizziero, Rizzutoarte, RUFA, Lia Rumma, Sperone, Christian Stein, Ermanno Tedeschi, The Promenade Gallery, Luca Tommasi, Villa Contemporanea, Visualcontainer, Workshop, z2o | Sara Zanin
Riccardo Costantini Contemporary Torino, Ray Smith
La galleria Riccardo Costantini Contemporary di Torino (MAPPA) apre la attività espositiva con la mostra di Ray Smith It’s time to change. Dal 22 febbraio al 13 aprile 2013, è proposta al pubblico la produzione recente dell’artista americano che torna in Italia dopo aver collaborato con importanti gallerie come Larry Gagosian, Bruno Bishofberger, Sperone Westwater e Akira Ikeda. Dopo la personale di Ray Smith, una collettiva di fotografia che vedrà esposti lavori di Mario Daniele, Giampiero Fanuli, Maurizio Galimberti, Piero Mollica, Patrick Van Roy; poi le personali di Ubay Murillo -giovane artista originario delle Canarie di base a Berlino- Vanni Cuoghi e del fotografo Edoardo Romagnoli.

PICASSO Palazzo Reale Milano
Picasso Milano Palazzo Reale
PICASSO a Milano: mostra a Palazzo Reale dal 20 settembre 2012 al 6 gennaio 2013. MAE Milano Arte Expo, per la mostra dedicata a Pablo Picasso – con i capolavori del Museo Nazionale Picasso di Parigi apre una rubrica curata dallo psicanalista Giancarlo Ricci  LEGGI >
AFRO - Museo Bilotti - Roma
AFRO, DAL PROGETTO ALL'OPERA, Museo Bilotti Roma
AFRO Dal progetto all’opera. 1951 - 1975 Museo Carlo Bilotti alla Aranciera di Villa Borghese (MAPPA), ROMA - 11 ottobre 2012 - 6 gennaio 2013. Con 37 opere, la mostra illustra le diverse fasi di concezione ed elaborazione dei dipinti di Afro: il passaggio dal disegno preparatorio, attraverso  progetti più complessi e articolati, fino alla versione definitiva del quadro. >LEGGI

SOTHEBY'S ASTA OPERE D'ARTE
Sotheby’s asta di arte contemporanea per il restauro del Castello dei Pico della Mirandola
Milano, asta d’arte benefica: da Sotheby’s asta di arte contemporanea per il restauro del Castello dei Pico della Mirandola, martedì 2 ottobre 2012 alle ore 18.00. Saranno posti all’incanto circa 30 lotti che importanti artisti contemporanei, italiani e stranieri, doneranno a sostegno di questa causa. a  LEGGI >

Emilio Tadini - Fondazione Marconi, Milano, fino al 31 ottobre 2012
Emilio Tadini mostra Milano Fondazione Marconi
Arturo Carlo Quintavalle: Tadini ha dipinto con gioia e ironia e questa gioia e ironia, e insieme questa profonda consapevolezza dell’artista come ideologo e creatore di organiche visioni del mondo, ne fanno la figura più rilevante dell’arte della sua generazione in Italia e una delle maggiori in Europa, una figura che è stata finora da molti citata e imitata  LEGGI >

Vermeer Il secolo d’oro dell’arte olandese
Vermeer Il secolo d’oro dell’arte olandese
27 settembre 2012 – 20 gennaio 2013 Per la prima volta a Roma una rassegna su Johannes Vermeer, massimo esponente della pittura olandese del XVII secolo. La mostra a Roma alle Scuderie del Quirinale - LINK sito della mostra - include, una selezione di opere di Johannes Vermeer - rarissime e distribuite nei musei di tutto il mondo, nessuna in Italia - e circa cinquanta opere di artisti olandesi suoi contemporanei.  Acquista i biglietti on-line

MARCELLO JORI Giacimento di passioni Padova Galleria Cavour
MARCELLO JORI Giacimento di passioni Padova Galleria Cavour
Dal 29 settembre al 28 ottobre 2012
Artista colto, multiforme e brillante, Marcello Jori torna a Padova dopo quasi trent'anni con un'esposizione che rappresenta una parte importante del suo articolato percorso artistico.
LEGGI >

Gustavo Bonora Exfabbricadellebambole Milano arteGUSTAVO BONORA su Attilio FORGIOLI

Alla Fondazione Stelline di Milano la mostra  di Forgioli fino al 13 ottobre 2012
Attilio Forgioli, MOSTRA A MILANO
- Una mozione di eccentricità - scrive Bonora - e, ad un tempo, di centralità: Attilio Forgioli, eccentrico rispetto alla dominante ed estenuata cronaca Postmoderna, ma centrale quanto all’iconicità storica, appare con un acuto di consistenza metafisica che, mentre intrattiene anche su contenuti “effimeri” (le scarpe, le bistecche, ecc.), li propone con la densità iconica che colma l’aspettativa estetica. > LEGGI >>
Maria Vittoria Capitanucci, Milano le Nuove Architetture, SKIRA
Maria Vittoria Capitanucci: Milano
Le nuove architetture
La nuova, straordinaria stagione della architettura milanese e i suoi grandi protagonisti alle soglie dell’Expo 2015. Capitanucci è docente di Storia dell’architettura
contemporanea presso il Politecnico di Milano e presso l’ISAD.. Edizioni SKIRA >>>
Studio Guastalla Arte Moderna e Contemporanea, Milano cultura
Marino Marini, Giocoliere, 1953, bronzo, h cm 45, Studio Guastalla per Museo Tattile Statale Omero Ancona, Milano arte e cultura
Studio Guastalla di Milano contribuisce
all'ampliamento della collezione del
Museo Tattile Statale Omero (Ancona).
Potrete vedere e toccare il Giocoliere di Marino Marini e altre opere da giovedì 15 giugno 2012, ore 17 presso le sale del Museo Omero alla Mole Vanvitelliana >>>

PEAU D’ARTS PARIS – MANON MORIN

Manon Morin
Peau d'Arts Paris, a cura di Manon Morin - Mur d'arts contemporains pour artistes, intervenants de l'art et toutes personnes qui aiment les arts. facebook.com/millemots
galerie talmart paris
Vernissage de JIZO, DIVINITE JAPONAISE de Jean-Marc Forax - 1er juin au 7 juillet 2012 - Une série de dessins aquarelles de Jizo, personnage japonais qu'on trouve sur les routes, divinité qui accompagne gaiment les enfants injustement punis.  Avec une vidéo de Shunsuke François Nanjo, et sonorisation de Hogo. Galerie TALMART - 22, rue du Cloître Saint-Merri, 75004 Paris - http://www.galerietalmart.com/

MILANO
FONDAZIONI
SPAZI ESPOSITIVI



Biblioteca di via Senato
Via Senato 14 | t. 0276215318
Info e programmi su www.bibliotecadiviasenato.it

Centre culturel français de Milan
Corso Magenta 63 | t. 02 4859191
Info e programmi su http://www.culturemilan.com

Hangar Bicocca - Spazio d’arte contemporanea
Via Chiese 2 (traversa di Viale Sarca) | t. 02 853531764
Info e programmi su http://www.hangarbicocca.it

Fabbrica del Vapore
Viale Procaccini 4 | t. 02 88464102
Info e programmi su http://www.fabbricadelvapore.org

Fondazione Alessandro Durini - Palazzo Durini
Via Santa Maria Valle 2 | t. 02 8053029
Info e programmi su http://www.fondazionedurini.com

Fondazione Marconi
Via Tadino 15 | t. 02 29419232
Info e programmi su
http://www.fondazionemarconi.org

Fondazione Antonio Mazzotta
Foro Buonaparte 50 | t. 02 878197
Info e programmi su
http://www.mazzotta.it

Fondazione Mudima
Via Tadino 26 | t. 02 29409633
Info e programmi su
http://www.mudima.net

Fondazione Arnaldo Pomodoro
Via Andrea Solari 35 | t. 02 89075394
Info e programmi su
fondazionearnaldopomodoro.it

Fondazione Prada
Via Fogazzaro 36 | t. 02 54670216
Info e programmi su
http://www.fondazioneprada.org

Fondazione Stelline
Corso Magenta 61 | t. 02 45462411
Info e programmi su
http://www.stelline.it

Fondazione Nicola Trussardi
t. 02 8068821
Info e programmi su
fondazionenicolatrussardi.com

Forma – Centro Internazionale di Fotografia
Piazza Tito Lucrezio Caro 1 | t. 02 581188067
Info e programmi su
http://www.formafoto.it

Galleria Gruppo Credito Valtellinese
Corso Magenta 59 | t. 02 48008015
Info e programmi su
http://www.creval.it

Museo Diocesano
Corso di Porta Ticinese 95 | t. 02 89420019
Info e programmi su
http://www.museodiocesano.it

Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12 | t. 02 796334
Info e programmi su
http://www.museopoldipezzoli.it

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia L. da Vinci
Via San Vittore 21 | t. 02 485551
Info e programmi su
http://www.museoscienza.org

Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente
Viale Filippo Turati 34 | tel. 02 6551455
Info e programmi su
http://www.lapermanente-milano.it

Spazio Oberdan
t. 02 77406300/6302
Viale Vittorio Veneto 2, ang. Piazza Oberdan
Info e programmi su
www.provincia.milano.it/cultura

Triennale Bovisa
Via Lambruschini 31, ang. Via Codigoro | t. 02 724341
Info e programmi su
http://www.triennalebovisa.it

Triennale di Milano
Triennale Design Museum

Viale Alemagna 6 | t. 02 724341
Info su http://www.triennale.it 
www.triennaledesignmuseum.it

Articoli Recenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: